Questo articolo è stato letto 14 volte

Ravello – Ritorna Biagio Cipolletta Comandante dei vigili urbani, ma il personale è poco e a Trani nullo

vigili_urbani_armati

Ravello, Costiera amalfitana. Superando la prova colloquio per la Selezione, per titoli e colloquio, per la copertura, mediante mobiilità esterna, di 1 posto di istruttore direttivo – specialista di vigilanza – responsabile del settore Polizia Municipale – Categoria D, posizione economica D1, come da albo pretorio del 3 maggio, Biagio Cipoletta è il nuovo responsabili dei caschi bianchi della Città della Musica. Un ritorno quello del tenente Cipolletta, che si trovava a San Sebastiano al Vesuvio in provincia di Napoli,  che era già stato a Ravello dal 2003 al 2006 con il gruppo di Vuilleumier, allora guidato da Secondo Amalfitano sindaco, all’amministrazione .

 

Ravello è uno dei comuni meno stabili come comandi di Polizia Municipale della costa d’ Amalfi gli ultimi due sono durati pochi mesi,  Di Bianco e Alberto Baldissara, ora il ritorno di Cipoletta dovrebbe dar stabilità . Ma il personale è poco. Per la rilevanza che ha Ravello in Costa d’ Amalfi e l’afflusso di turisti che vi si riversano il corpo di polizia municipale non è sufficiente per affrontare queste emergene, per non parlare di altri interventi, quali abusi edilizi o altri reati. Senza tener conto che Cipolletta avrà il coordinamento anche dei vigili urbani di Scala.  C’è da dire che a peggiorare la situazione del controllo del traffico, a parte una strada d’accesso da Castiglione, che è una vera e propria tortuosa mulattiera con un’allargamento che si aspetta ancora, come si vede dal reportage di Positanonews fatto in questi giorni con commenti, ad aggravare la situazione è la mancata assunzione di personale per la stagione estiva, come avveniva negli anni scorsi,  da parte del confinante comune di Atrani. A rischio è proprio tutta l’area che va da Atrani a Minori una delle più pericolose e intasate di traffico della costiea amalfitana.

 

Fonte: www.positanonews.it

 

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *