Questo articolo è stato letto 2 volte

Polizia municipale: spengono un incendio a Zelarino e scoprono una serra per la coltivazione di marijuana

vigili_urbani_napoli

Agenti della Polizia municipale vengono chiamati a supporto di un intervento dei Vigili del Fuoco, che stavano operando per spegnere un incendio di una roulotte nel giardino di una abitazione a Zelarino, e scoprono una serra per la coltivazione di marijuana.
E’ quanto è accaduto questa mattina quando il personale del Nucleo di Polizia Giudiziaria della sezione di Zelarino e del Reparto Sicurezza stradale, ha scoperto proprio all’interno dell’abitazione nella quale sono intervenuti i Vigili del Fuoco una serra per la coltivazione della marijuana. In particolare, in una stanza del primo piano venivano rinvenuti 28 vasi contenenti 37 piante di marijuana di altezza tra i 30 cm e il metro, e a diversi stadi di maturazione, con alcune già in fase di florescenza. I vasi erano posti sotto 3 potenti lampade alogene, con copertura termo riflettente per convogliare il calore verso le piante, collegate a degli alimentatori a loro volta azionati da un timer digitale. Un ventilatore a piantana garantiva la circolazione dell’aria. In una seconda stanza venivano rinvenute 56 talee di marijuana, piantate in blocchi di gommapiuma imbevuti d’acqua, posti all’interno di contenitori di plastica coperti con della pellicola per alimenti per garantire il giusto grado di calore e umidità. La luce ed il calore erano assicurati da una plafoniera neon posta sopra i contenitori. Altre 35 talee sono state rinvenute nel giardino di detta abitazione, unitamente a 5 piante essiccate, sempre di marijuana.

Per il reato di cui all’art. 73 DPR 309/1990 sono stati arresti due fratelli I. D. D. di anni 38 e I.D.A. di 39 anni.

Le indagini proseguiranno per gli opportuni approfondimenti, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Venezia.

 

Fonte:  www.comune.venezia.it

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *