Questo articolo è stato letto 1 volte

Elezioni, bomba carta a Rapallo Plico sospetto a Sestri

vigili_ciclomotore

L’esplosione all’interno di un cassonetto dei rifiuti vicino ad un seggio. Poco prima due auto dei vigili urbani erano state incendiate davanti al comando della polizia municipale. A Sestri, in via Ursone, abbandonata davanti ad un altro seggio elettorale una busta aperta da un robot dei carabinieri: conteneva solo fogli di giornali.

 

La scuola di Sestri che ospita il seggio dove è stata consegnata la busta sospetta.

 

Il clima delle votazioni in Liguria è satato turbato da due episodi stamane all’alba a Rapallo e Sestri ponente. A Rapallo è esplosa una bomba carta davanti ad un seggio e due auto dei vigili urbani sono state incendiate, mentre a Sestri qualcuno ha abbandonato una busta sospetta.

 

A Rapallo, una bomba carta è esplosa la scorsa notte all’interno di un cassonetto dei rifiuti nei pressi di un seggio elettorale. L’episodio è avvenuto intorno alle 3 nella piazza del Comune. Poco prima due auto della polizia municipale erano state incendiate insieme a quattro cassonetti dell’immondizia. Le due macchine della polizia locale sono state date alle fiamme sotto al comando mentre due dei quattro cassonetti incendiati si trovano nei pressi della scuola. Un’azione dolosa sulla quale è stata aperta un’indagine della magistratura.

 

L’esplosione della bomba carta è stata tanto fragorosa da far scendere in strada diversi residenti della zona.

 

A Sestri ponente, una busta sospetta è stata trovata stamattina davanti a un seggio elettorale in via Ursone. All’incirca alle 6 del mattino, personale del seggio ha sentito suonare il campanello due o tre volte, ha aperto la porta, ha trovato per terra una busta.

 

Il plico trovato davanti al seggio elettorale è stato aperto grazie all’uso di un robot degli artificieri dei carabinieri. All’interno solo fogli di giornale. Il seggio elettorale è stato riaperto così come la circolazione lungo la strada. Secondo i carabinieri il gesto è stato
compiuto da qualcuno che vuole alimentare la tensione.

 

Fonte: genova.repubblica.it

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *