Questo articolo è stato letto 7 volte

Gallipoli, Corpo dei vigili nel caos. Troppe tensioni e nuovo comandante par time

agenti2

Tensione alle stelle, accuse reciproche ed esposti in Procura. Ed un organico ridotto ai minimi termini. Il caos regna totale presso il comando della polizia municipale di Gallipoli. E sarà questa una delle patate bollenti da prendere subito in mano dal nuovo sindaco Francesco Errico e dalla nuova maggioranza di governo. Magari con l’indicazione di un nuovo concorso pubblico per la copertura del posto di massimo dirigente del corpo, ora più che mai rimasto vacante. Mentre ora, per arginare l’emergenza, arriva un nuovo comandante assunto par time, per pochi mesi. Una situazione al limite della sopportazione, che ha quasi inspiegabilmente portato alla divisione interna al corpo dei vigili, tra buona parte degli agenti e il comandante facente funzioni Giuseppe Parisi. Troppe frizioni e troppi contrasti che hanno finito per ripercuotersi inevitabilmente sul lavoro quotidiano da svolgere in qualità di agenti di polizia locale. Da un lato le esigenze del comandante Parisi di regolamentare il lavoro e i turni di servizio. Dall’altro i metodi “autoritari” e “discriminatori” denunciati a più riprese da diversi agenti in prima linea, addetti alla viabilità e al settore annonario, e dalle rappresentanze sindacali di base del corpo comunale. Un braccio di ferro, alquanto stucchevole in alcuni frangenti, che ha portato alla rottura definitiva. Ed ha finito per inguaiare il Comune stesso alle prese con le emergenze del traffico caos, del presidio dei seggi elettorali, con i controlli al mercato e sull’occupazione del suolo pubblico. Una bolgia, con i turisti in arrivo, e con solo cinque vigili a disposizione sulla strada ripartiti su due turni e un territorio vasto da pattugliare.

Il vaso già colmo, è straripato nelle scorse settimane con diversi operatori “stressati” e “ammalati” che hanno ridotto ancor più l’organico a diposizione. E con lo stesso comandante Parisi che ha sbattuto la porta e si è preso le sue ferie arretrate per quasi due mesi. Decisioni formali che evidenziano ormai una incompatibilità ambientale evidente. Con gli agenti della municipale sul piede di guerra. Prova tangibile una serie di esposti che da ambo le parti continuano a fioccare sui tavoli della Procura. E per il bene di tutti, con la situazione che sembra ormai arrivata al capolinea, il Comune ha deciso di intervenire. Seppur in maniera temporanea. C’è da dire infatti che il dirigente in carica della polizia municipale, il già comandante Patrizio Giannone e dirigente del settore Commercio, dal 2 maggio scorso è in servizio presso gli uffici regionali in virtù di una richiesta di mobilità e di trasferimento accolta dopo alcuni ricorsi vinti. E con l’assenza temporanea del già facente funzioni, ovvero il vice comandante Parisi, il commissario prefettizio ha provveduto alla nomina a scavalco di un nuovo comandante per i vigili sino al mese di giugno e con possibilità di proroga.

Ad assumere l’incarico part-time alla guida della polizia municipale di Gallipoli è stato chiamato l’attuale comandante dei vigili di Monteroni, Alain Patrich Sorge che dal 18 maggio scorso, previo nulla osta della giunta comunale monteronese e con la firma della relativa convenzione, dirige il comando di via Pavia. In attesa che la situazione possa trovare una via d’uscita definitiva. In arrivo anche l’assunzione di dieci vigili stagionali scorrendo la graduatoria del 2010 e l’attivazione del televarco per l’accesso al centro storico nel periodo estivo.

Fonte: gallipoli.lecceprima.it

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *