Questo articolo è stato letto 0 volte

Piacenza – “Più incidenti ma meno mortali”. Nasce l’Osservatorio per la sicurezza stradale

A Piacenza più incidenti ma meno mortali. E’ quanto emerso dall’incontro che si è svolto questa mattina nella sala consiliare della Provincia per la costituzione dell’Osservatorio della Sicurezza stradale all’interno del progetto “Gins-Giovani in sicurezza”. Il progetto, approvato e finanziato nell’ambito del programma Azione Province Giovani (iniziativa promossa dalla presidenza del Consiglio dei ministri), è realizzato dalla Provincia di Piacenza in partenariato con la Provincia di Verona, la Provincia e il Comune di Ascoli Piceno.

L’Osservatorio provinciale della sicurezza stradale è una rete trasversale e condivisa che si riunirà a cadenza periodica per promuovere attività di sicurezza stradale; riunisce i rappresentanti del territorio, gli enti, le polizie municipali, le associazioni, i motociclisti, le autoscuole, le corporazioni di vario ordine e genere accomunati dall’interessamento verso il tema della sicurezza stradale. L’attività di confronto verterà in particolare sulla raccolta dei dati dell’incidentalità e delle attività in corso nel settore della sicurezza stradale.

Rispetto alle altre 116 città capoluogo, Piacenza si piazza all’87esimo posto per numero di incidenti mortali, con un dato che si colloca al di sotto della media nazionale. “Però – spiega Annalisa Gramigna dell’Osservatorio nazionale della sicurezza stradale Upi-Anci – Piacenza è al 18esimo posto per numero di incidenti ogni mille veicoli”. Quindi molti incidenti ma con una mortalità relativamente bassa. Altro dato che emerge dallo studio dell’Osservatorio nazionale è la buona richiesta del servizio pubblico: la nostra città è infatti 36esima in tutta Italia.

Presenti all’incontro, oltre ai rappresentanti delle forze dell’ordine e delle associazioni che fanno parte dell’Osservatorio provinciale, l’assessore provinciale Massimiliano Dosi e Domenico Pugliese del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. 

 
 

Fonte: www.piacenzasera.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *