Questo articolo è stato letto 0 volte

Termoli – Guida ubriaco e contromano, provoca un frontale e aggredisce i vigili: 60enne nei guai

Guidare ubriaco, oltretutto con una fedina penale che grida vendetta, andare contromano e dopo aver provocato un incidente frontale, scagliarsi contro il malcapitato che stava viaggiando per conto suo e poi aggredire i vigili urbani intervenuti per rilevare il sinistro.

Ne ha combinate una più di Bertoldo, sabato sera, in via Egadi a Termoli, proprio accanto all’ingresso dell’Agenzia delle Entrate, il 60enne termolese A. S., noto alle forze dell’ordine.

Ore 18.30: a Termoli si scatena il Far West.

Una Rover guidata da un 70enne, M. D. S., transita in via Egadi, quando improvvisamente gli si para davanti, in palese marcia contromano, una vecchia Fiat Uno, condotta dal 60enne.

L’urto è inevitabile e dallo scontro frontale, peraltro con un responsabile chiaro e unico, si passa a uno scenario ben più grave. Il sessantenne, in preda all’ubriachezza molesta tenta di prendersela subito con l’uomo più anziano di lui, ma a fermarlo sono gli agenti della polizia municipale, che arrivano per rilevare il sinistro e si accorgono della condizione ebbra del pregiudicato.

Gli contestano subito l’infrazione, ma alla richiesta di eseguire l’alcol test con l’etilometro, il 60enne va in escandescenza, cominciando a insultare e minacciare i vigili urbani, fino a mettere loro le mani addosso. Ne nasce una colluttazione, che porta l’anziano ubriaco ad essere denunciato per aggressione, lesioni, resistenza, oltraggio e minacce, oltre che per la guida in stato di ubriachezza. 

A corredo questo bouquet di capi d’imputazione anche la confisca del veicolo e il ritiro della patente, tanto che per tornare a casa è stato necessario riaccompagnarlo.

I due agenti hanno dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso, anche se i danni erano piuttosto limitati. Sul posto si sono portati anche gli agenti del commissariato e i carabinieri.

Fonte: www.termolionline.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *