Questo articolo è stato letto 0 volte

Alla Camera approvato nella seduta n. 688 di martedì 19 giugno 2012 il testo unificato per la delega alla riforma del codice della strada (C4662)

alla-camera-approvato-nella-seduta-n-688-di-marted-19-giugno-2012-il-testo-unificato-per-la-delega-alla-riforma-del-codice-della-strada-c4662.jpg

Delega al Governo per la riforma del codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285.
 

TESTO UNIFICATO ADOTTATO COME TESTO BASE 

Art. 1. (Delega al Governo per la revisione e il riordino della disciplina concernente la motorizzazione e la circolazione stradale)

1. Il Governo è delegato ad adottare, entro ventiquattro mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, previa deliberazione del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministro dell’interno, con il Ministro della giustizia, e con gli altri Ministri interessati, sentita la Conferenza unificata di cui all’articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, e successive modificazioni, e nel rispetto della procedura di cui ai commi 2, 3 e 4 del presente articolo, uno o più decreti legislativi recanti disposizioni per rivedere e riordinare la legislazione vigente concernente la disciplina della motorizzazione e della circolazione stradale, recata dal codice della strada di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, apportandovi le modifiche necessarie in conformità ai princìpi e criteri direttivi di cui all’articolo 2, commi 1 e 2, della presente legge e introducendo le necessarie disposizioni di carattere transitorio.
2. Entro diciotto mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, il Governo trasmette gli schemi dei decreti legislativi di cui al comma 1 alla Camera dei deputati e al Senato della Repubblica, per l’espressione del parere da parte delle competenti Commissioni parlamentari.
3. Ciascuna Commissione esprime il proprio parere entro quarantacinque giorni dall’assegnazione, indicando specificamente eventuali disposizioni ritenute non conformi ai princìpi e criteri direttivi di cui all’articolo 2, commi 1 e 2.
4. Il Governo, entro i successivi quarantacinque giorni, esaminati i pareri di cui al comma 3, ritrasmette il testo alle Camere, con le sue osservazioni e con le eventuali modificazioni, per il parere definitivo delle competenti Commissioni parlamentari, che deve essere espresso entro quarantacinque giorni dall’assegnazione.

Art. 2. (Principi e criteri direttivi)

1. Nell’ambito della materia regolata dal codice della strada di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, di seguito denominato « codice della strada », i decreti legislativi di cui all’articolo 1 della presente legge disciplinano in particolare, secondo criteri di essenzialità, semplicità e chiarezza, i seguenti aspetti:
a) princìpi di carattere generale;
b) assetto delle competenze, mantenendo ferma l’attribuzione delle stesse, anche in relazione alle modifiche legislative intervenute e fatto salvo quanto diversamente disposto dalla presente legge;
c) disciplina delle norme di comportamento e relativo sistema sanzionatorio, al fine di garantire la tutela della sicurezza stradale e l’effettività degli istituti sanzionatori. 
2. I decreti legislativi di cui all’articolo 1 sono adottati con l’osservanza dei seguenti princìpi e criteri direttivi:
a) riorganizzazione delle disposizioni del codice della strada secondo criteri di ordine e di coerenza, nonché coordinamento e armonizzazione delle stesse con le altre norme di settore nazionali, dell’Unione europea o derivanti da accordi internazionali, nonché con le norme relative alle competenze delle regioni e degli enti locali, con particolare riferimento ai poteri dello Stato nei confronti degli enti proprietari e gestori delle strade;
b) delegificazione della disciplina riguardante le procedure e la normativa tecnica armonizzata dell’Unione europea suscettibile di frequenti aggiornamenti, con particolare riferimento alle materie indicate nel comma 3;
c) revisione dell’apparato sanzionatorio, ivi compreso quello relativo alle materie delegificate, anche modificando l’entità delle sanzioni secondo principi di ragionevolezza, proporzionalità e non discriminazione nell’ambito dell’Unione europea; revisione e semplificazione del procedimento per l’applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie e accessorie, nonché individuazione dei casi che comportano l’applicazione di misure cautelari relative ai documenti di circolazione e di guida previste dal codice della strada, adeguandolo alle sentenze della Corte costituzionale, della Corte di giustizia dell’Unione europea e alla giurisprudenza consolidata della Corte di cassazione, in particolare prevedendo:
1) la graduazione delle sanzioni in funzione della gravità, della frequenza e dell’effettiva pericolosità del comportamento;
2) inasprimento delle sanzione per comportamenti particolarmente pericolosi, quali il mancato rispetto delle regole di precedenza; l’omesso rispetto della distanza di sicurezza; l’eccesso di velocità in relazione alle condizioni ambientali;
3) qualificazione giuridica della decurtazione dei punti dalla patente di guida come sanzione amministrativa accessoria, prevedendo altresì che la comunicazione della decurtazione costituisca atto amministrativo definitivo;
d) revisione del sistema dell’accertamento degli illeciti amministrativi previsti dal codice della strada, anche adeguandolo all’impiego dei nuovi strumenti di controllo a distanza, e del corrispondente regime delle spese, prevedendo altresì l’introduzione di procedure per la notifica degli atti di accertamento mediante posta elettronica certificata, nonché di disposizioni volte a consentire il pagamento immediato della sanzione pecuniaria, anche in forma elettronica, all’atto stesso della contestazione della violazione, ovvero entro i cinque giorni successivi, con conseguente applicazione di una riduzione dell’ammontare della sanzione medesima;
e) revisione, coordinamento del sistema dei ricorsi amministrativi e giurisdizionali, individuando eventualmente ambiti di competenza diversi;
f) semplificazione delle procedure previste per il ricorso al Prefetto, prevedendo:
1) la presentazione del ricorso esclusivamente all’organo accertatore con successiva trasmissione del ricorso stesso, previa istruttoria, al prefetto per la decisione;
2) eliminazione dell’obbligo di procedere all’audizione dell’interessato che ne abbia fatto richiesta;
3) allineamento del termine per il ricorso al Prefetto a quello previsto per il ricorso al giudice di pace;
g) riordino delle disposizioni riguardanti l’esercizio dei compiti di polizia stradale e le relative abilitazioni e potenziamento del ricorso ai servizi ausiliari di polizia stradale, tenendo conto degli assi viari e delle condizioni di particolare necessità ed urgenza connessi all’attivazione dei predetti servizi ausiliari;
h) definizione delle norme di circolazione per veicoli atipici;
i) attribuzione al Ministero della salute del compito di predisporre linee guida cogenti per garantire a livello nazionale uniformità dell’operato delle commissioni mediche locali, nell’ambito delle procedure per la verifica dei requisiti fisici per il conseguimento o il rinnovo della patente di guida;
l) disciplina generale delle modalità di sosta dei veicoli adibiti al servizio di invalidi
m) introduzione di disposizioni atte a favorire la diffusione e l’installazione di sistemi telematici applicati ai trasporti ai fini della sicurezza della circolazione;
n) previsione di apposite disposizioni riguardanti la circolazione dei veicoli sulla rete autostradale nel periodo invernale, in presenza di manifestazioni atmosferiche di particolare intensità, al fine di preservare l’incolumità degli utenti e di garantire idonei livelli di circolazione veicolare
3. Il Governo è autorizzato ad emanare regolamenti ai sensi dell’articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni, entro il termine previsto dal comma 1 dell’articolo 1 e nel rispetto dei princìpi e criteri direttivi di cui ai commi 1 e 2 del presente articolo, per disciplinare i procedimenti amministrativi relativi alle materie di seguito elencate, previsti dal codice della strada nonché dalle altre norme vigenti in materia:
a) classificazione, costruzione e tutela delle strade, delle fasce di rispetto, del suolo stradale degli accessi e diramazioni, della pubblicità e di ogni forma di occupazione;
b) caratteristiche dei veicoli eccezionali e dei trasporti in condizioni di eccezionalità;
c) disciplina della massa limite e della sagoma limite dei veicoli adibiti all’autotrasporto merci;
d) aggiornamento della segnaletica stradale, in conformità alle norme internazionali in materia, e organizzazione della circolazione;
e) disciplina della manutenzione degli apparati destinati alle segnalazioni stradali luminose, con particolare riguardo all’esigenza di ridurre i consumi energetici;
f) classificazione, destinazione, caratteristiche costruttive, di equipag-giamento e di identificazione dei veicoli, accertamento dei requisiti di idoneità alla circolazione, omologazione e controlli di conformità, al fine di adeguarli alle nuove tipologie conseguenti ai processi di innovazione tecnica del settore e di garantire adeguati livelli di sicurezza della circolazione;
g) classificazione e utilizzazione dei veicoli in relazione all’uso cui sono adibiti, con particolare riferimento alle macchine agricole e operatrici, anche in relazione alla disciplina dell’Unione europea in materia di limite di massa, di massa rimorchiabile e di traino, e disciplina della loro circolazione su strada;
h) procedimenti di ammissione, immatricolazione e cessazione della circolazione dei veicoli a motore;
i) disciplina della patente di guida di categoria BS, prevedendo che i possessori di tale patente possano conseguire anche la patente di guida per il traino di un rimorchio di massa superiore a 750 chilogrammi;
l) disciplina per la tutela dell’utenza debole sulle strade, prevedendo, in particolare, sistemi per la sicurezza e per la visibilità notturna dei ciclisti;
m) adozione di ogni altra disposizione integrativa o correttiva necessaria per coordinare il regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495, con le modifiche introdotte con i decreti legislativi di cui al presente articolo.
4. Le norme di legge che disciplinano le materie di cui al comma 3 sono abrogate
Pag. 121con effetto dalla data di entrata in vigore dei regolamenti di cui al medesimo comma che recano un elenco specifico delle norme abrogate.

Art. 3. (Disposizioni integrative e correttive e norma finanziaria)

1. Entro tre anni dalla data di entrata in vigore della presente legge, il Governo può adottare uno o più decreti legislativi recanti disposizioni integrative e correttive dei decreti legislativi di cui all’articolo 1, con le medesime procedure e previo parere delle Commissioni parlamentari previsti dallo stesso articolo 1, nel rispetto dei principi e criteri direttivi di cui all’articolo 2, commi 1 e 2.
2. Dall’attuazione delle disposizioni della presente legge non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *