Questo articolo è stato letto 0 volte

Ciampino, da un controllo su un tagliando invalidi viene alla luce una stamperia di documenti falsi per un valore di 350.000 euro

Brillante operazione congiunta della Polizia Locale di Ciampino e della Guardia di Finanza di Frascati, che sottolinea l’importanza dell’interscambio informativo tra diversi organi di Polizia a tutela del bene pubblico e dell’equità fiscale.
L’operazione ha permesso di scoprire una stamperia di documenti contraffatti, che permettevano l’accesso ad agevolazioni, in violazione del codice della Strada, oltre a detrazioni fiscali ai danni dello stato.
Da un normale controllo della Polizia Locale sui contrassegni speciali di circolazione per persone invalide, rilasciati dal Comune di Marino, è stato possibile rilevare che due persone, perfettamente abili, possedevano, sulle proprie automobili, il medesimo titolo autorizzativo.
Oltre alla sanzione prevista dal codice della strada, gli agenti, sospettando la falsificazione di tali permessi, effettuavano una perquisizione domiciliare presso l’abitazione dei due, nel corso della quale emergeva numerosi documenti contraffatti.
Oltre alle autovetture, risultate scoperte di assicurazione, venivano sequestrati personal computer, hard disk esterni e pen drive, dal cui esame venivano riscontrate anche fatture di studi medici e cliniche private.
A questo punto, intervenivano nelle indagini i finanzieri di Frascati, che attraverso una capillare attività di accertamento sulle dichiarazioni dei redditi dei soggetti interessati, risucivano a rinvenire numerosa documentazione falsa, fra cui spese mediche mai sostenute oltre a quietanze di pagamento relative a mutui mai accesi.
Con tale artificioso sistema, un intera famiglia riusciva a produrre fatture per operazioni insesistenti pari a 350.000 euro, utilizzate in dichiarazione per documentare falsi oneri deducibili e detraibili; ammontano, invece, a oltre 90.000 le imposte dovute, per le quali era stato ottenuto il rimborso.
Cinque le persone denunciate all’autorità giudiziaria che dovranno rispondere del reato del reato di dichiarazione fraudolenta, mediante l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti.
 

Fonte: www.polizialocaleciampino.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *