Questo articolo è stato letto 21 volte

Mantova. Maxi-multe ai clienti delle prostitute

prostituzione

La polizia locale sorprende dodici automobilisti a contrattare dal finestrino: 500 euro. È l’effetto del nuovo regolamento.

 

Difficile sostenere lo sguardo dell’agente mentre ci si arrampica sullo specchio di una scusa ripidissima: «Stavo solo chiedendo indicazioni per l’ospedale». Sì, come no, a una signorina discinta sul ciglio della strada. Negli ultimi giorni la polizia locale ne ha beccati dodici di automobilisti distratti, persi, smarriti con il finestrino abbassato e l’occhio lucido d’attesa. Intenti a tirare sul prezzo. Inasprito di recente, il regolamento di polizia urbana parla chiaro: la contrattazione dall’auto è vietata, punita con una sanzione da 500 euro. Vietato pure proporsi troppo sfacciatamente, in abiti che lasciano poco all’immaginazione. In questo caso la multa per la ragazza è di 200 euro. Ne sa qualcosa la prostituta pizzicata in via Verona, praticamente in mutande. Quando è troppo è troppo.

 

Il pattugliamento notturno è scattato a metà giugno, all’inizio gli agenti della polizia locali si sono limitati a osservare, prendere nota, aggiornare la mappa del fenomeno (largo una trentina di ragazze). La geografia della prostituzione cittadina abbraccia via dei Mulini, via Verona, viale di Poggio Reale, via Parma, via Legnago, viale della Favorita. Le strade d’accesso alla città, trafficate e abbastanza anonime. Le ragazze sono in maggioranza romene, seguite da nigeriane e senegalesi, i trans invece sono sudamericani.

 

Aggiornata la mappa e avvertiti i clienti con i lampeggianti blu, negli ultimi tre giorni gli agenti della polizia locale sono passati all’azione. Ma chi sono i dodici beccati a contrattare dalla cornice del finestrino abbassato, nel tentativo di strappare una tariffa di favore? Soltanto uno è residente in città (impossibile per lui ricorrere alla scusa delle indicazioni stradali), gli altri abitano in provincia. La nostra e pure quelle vicine (qualcuno si è spinto a Mantova da Piadena e Casalmaggiore), meglio non rischiare di essere riconosciuti. Gente adulta, ma non solo: il cliente più vecchio ha 58 anni, quello più giovane 20. Al di là del perbenismo di maniera e della psicologia più spicciola, la curiosità curva in domanda sincera: perché mai un ragazzo deve comprarsi il sesso? Non che l’accumularsi delle stagioni debba incoraggiare la cosa, però la circostanza fa effetto. Intascata la sanzione, i clienti potranno opporre ricorso oppure pagare in silenzio, per non fare troppo baccano attorno alla cosa.

 

Precedute da un dibattito aspro, le modifiche al regolamento di polizia urbana erano state approvate dal consiglio comunale a fine aprile, tra accuse incrociate e alleanze inedite. Le nuove regole rendono la vita più difficile anche a chi si concede uno spinello ai giardini pubblici o in piazza (sanzione di 200 euro), agli “accattoni molesti” (50 euro più tutti i soldi raccolti) e pure a chi vuole esporre drappi e bandiere al balcone di casa (adesso serve una comunicazione dettagliata).

 

Intanto automobilisti disorientati e clienti intenzionali sono avvisati, i pattugliamenti continueranno nelle prossime notti.

 

Fonte:  gazzettadimantova.gelocal.it

 

Fonte:

2 thoughts on “Mantova. Maxi-multe ai clienti delle prostitute

  1. Posso fare qualcosa con mia moglie nella camera da letto ho devo fare domanda ? No lo chiedo, nn si sa mai ke ci siano delle cimici….Adesso si fa un po ridere con sta dittatura, non penso ke nemmeno l ex duce sarebbe stato così duro..e cmq se uno paga l assicurazione , mi dispiace x voi ma le vostre multe non sono valide, l automobilista trasporta fino a 9 persone , se ha una mono, quindi , informatevi e ripassate la costituzione italiana, e non quella talebana ! Qualcuno mi risponda …

  2. Affermo che le Ordinanze Sindacali ed i Regolamenti di Polizia Urbana devono essere conformi ai principi generali dell’Ordinamento, secondo i quali la prostituzione su strada non può essere vietata in maniera vasta ed indeterminata. Di conseguenza, i relativi verbali di contravvenzione possono essere impugnati in un ricorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *