Questo articolo è stato letto 2 volte

Guidare col telefonino: ecco il blocco automatico

In India, hanno inventato un sistema blocca-cellulare per impedire al guidatore di infrangere il Codice della strada.

 

L’invenzione c’è, poi si dovrà vedere se mai arriverà in Europa: parliamo del sistema blocca-cellulare partorito in India (come riporta Gizmag Automotive), che impedisce al guidatore di infrangere il Codice della strada.

 

PASSEGGERI OK – Il meccanismo ingegnoso non consente a chi sta al volante di parlare al telefonino, ma non interferisce sul funzionamento degli apparecchi degli altri passeggeri, che potranno quindi continuare a telefonare senza problemi. Il team di ricerca dell’India Anna University of Technology, a Tamilnadu (su inderscience i componenti del gruppo), ha messo a punto un sistema che automaticamente attiva un blocco dei segnali telefonici: siccome il blocco è solo a bassa frequenza, i ricercatori indiani spiegano che i passeggeri saranno in grado di continuare a utilizzare i loro telefoni mobili. E il dispositivo blocca-cellulare può doppiamente risultare prezioso per la sicurezza stradale, se tarato per segnalare alle Forze dell’ordine le violazioni relative all’uso del cellulare alla guida. Un dispositivo collegato potrebbe archiviare i dettagli della violazione, insieme ai dati di registrazione del veicolo, e trasmetterli alla Polizia.

 

DISTRAZIONI FATALI – Secondo alcune statistiche elaborate dall’università indiana, infatti, il 20% degli incidenti mortali relativi a camion o altri veicoli pesanti, coinvolgono conducenti che stavano utilizzando un telefono cellulare al momento del sinistro. A distrarre sono la composizione del numero, il fatto di dover tenere in mano il telefono, e le stesse conversazioni. Guidare col telefonino è un po’ come stare al volante ubriachi, come ha spiegato Franco Taggi dell’Istituto superiore di sanità, tra i maggiori esperti di sicurezza stradale in Italia: “Viene compromessa l’attenzione alla strada, determinando un rischio di provocare un incidente grave o mortale pari a quello che corre un conducente con un grammo di alcol litro di sangue, il doppio del limite legale“. Il nostro Codice della strada, all’articolo 173, vieta al conducente di far uso durante la marcia di apparecchi radiotelefonici ovvero di usare cuffie sonore. È consentito l’uso di apparecchi a vivavoce o dotati di auricolare, purché il guidatore abbia adeguate capacità uditive ad entrambe le orecchie che non richiedono per il loro funzionamento l’uso delle mani. Insomma, guidare col cellulare in mano è vietato (idem inviare messaggi o consultare le email o la rubrica o altro). Altrimenti, scatta una multa di 152 euro, più il taglio di cinque punti della patente.

Fonte: www.sicurauto.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *