Questo articolo è stato letto 2 volte

Semaforo giallo: novità in arrivo?

semaforo_giallo

Semaforo, rivoluzione in arrivo? In futuro la luce rossa e gialla potrebbero essere accese contemporaneamente per avvisare che sta per arrivare il verde, quindi per avvertire dell’imminente partenza. È scritto nell’atto S 3358 in discussione al Senato recante “Modifiche al Codice della strada di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, numero 285, in materia di regolazione semaforica”.

 

OBIETTIVO – Il fine della norma far calare lo smog: con la tecnologia, l’automobilista verrebbe avvertito che sta per scattare il verde e potrebbe “riavviare” il motore per tempo. Inoltre, si metterebbe in allerta qualche automobilista non molto reattivo alla luce verde. L’atto S 3358 presentato al Senato è stato assegnato per l’esame in sede referente alla Commissione VIII (Lavori Pubblici e comunicazioni): l’analisi in Commissione non è ancora iniziata e sono stati richiesti i pareri di altre commissioni. Si propone di inserire un tempo in più nella successione dei tempi delle luci semaforiche che serva ad avvertire l’automobilista dell’imminente partenza; si intende quindi aggiungere la sequenza del rosso e del giallo insieme, con funzione di avvertimento di imminente partenza.

 

LA RELAZIONE – Nella relazione di accompagnamento dei senatori Thaler Ausserhofer e Pinzger comunicata alla presidenza il 13 giugno 2012, si dice che si vuole aggiungere il rosso e il giallo insieme per avvertire l’automobilista di prepararsi alla partenza al fine di rendere il traffico degli incroci, regolati da semafori, il più fluido possibile: “Informare l’automobilista dell’imminente partenza risulta particolarmente adeguato alla nuova tecnologia automobilistica che ha perfezionato il sistema di ‘start&stop’. Mentre il veicolo è fermo il motore dell’automobile si spegne così da diminuire i consumi di carburante e ridurre le emissioni inquinanti; dunque un sistema di avviso di partenza permetterebbe agli automobilisti di essere avvisati dell’imminente via libera e mettere così in atto le manovre necessarie per la partenza. L’introduzione di questa norma renderebbe la normativa italiana più vicina a quella dei maggiori Paesi europei”.

 

GIALLO: CONTA LA DURATA – Al di là di questa possibile modifica al Codice della strada, è importante la durata della luce gialla al semaforo, che in passato è stata al centro di polemiche feroci: piazzando macchinette elettroniche che immortalavano e multavano chi passava col rosso, alcuni Comuni hanno impostato una durata del giallo brevissima, in modo da “intrappolare” gli automobilisti al semaforo, e da indurli a passare col rosso per poi essere sanzionati. Un malcostume che danneggia anche la sicurezza stradale: col giallo, qualche guidatore potrebbe essere tentato di accelerare eccessivamente per non essere “pizzicato” dall’occhio elettronico al semaforo. A metterci una pezza doveva essere il famoso countdown sdoganato da pochi anni, ma forse a Roma si è scelto di seguire una strada diversa.

 

Fonte: www.sicurauto.it

Fonte:

One thought on “Semaforo giallo: novità in arrivo?

  1. La luce rossa e gialla accese contemporaneamente esistono già in Germania, Austria, Belgio ecc. ecc. Paesi piú evoluti rispetto alla nostra Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *