Questo articolo è stato letto 3 volte

Cava de’ Tirreni (SA) – Due mandrie di tori e mucche, braccate dalla Polstato e Caschi Bianchi

mucche

Tori e mucche a spasso per le strade cittadine e di periferia, hanno messo a dura prova la perizia delle Forze di Polizia cittadine. Non è iniziata bene la prima settimana del mese di settembre per gli equipaggi della Polizia di Stato e del Corpo di Polizia Locale di Cava de’Tirreni. Si ripresenta, ancora una volta, l’allarmante problematica delle mandrie di tori e mucche vaganti.

Dalle ore 08.30 di martedì 4 settembre 2012, fino alle 12,30, ininterrottamente, gli equipaggi della Polizia di Stato, di via Giovanni Palatucci, 4, agli ordini del Vice Questore Giuseppe Marziano, e del Corpo di Polizia Locale, di via Ido Longo, al comando del Ten. Col. Licia Cristiano, hanno avuto il loro ben da fare, per tentare di assicurare le distinte mandrie di tori e mucche, che pascolavano abusivamente per le strade cittadine e di periferia, alla”giustizia”! Erano da poco passate le 08,30 quando l’equipaggio della volante del Commissariato di Pubblica Sicurezza di, ha allertato la Centrale Operativa della Polizia Locale, segnalando la presenza, al pascolo, di 5 (cinque) tori in via Oreste di Benedetto, ovvero lungo la salita che conduce al Convento dei Frati Cappuccini e dove in una precedente analoga operazione di servizio i Caschi Bianchi riuscirono, col manifesto disappunto degli animalisti o pseudo tali, a chiudere in un limitrofo piccolo appezzamento di terreno una mandria mucche che col loro vagare posero a serie pericolo la circolazione dei pedoni e degli automobilisti.

Sul posto, per dare manforte ai colleghi della Polizia di Stato, su disposizione del Ten. Colonnello Cristiano, sono intervenute tre equipaggi dei Caschi Bianchi, diretti dal Magg. Giuseppe Ferrara, cooperato dal Tenente Giuseppe Senatore, le quali provvedevano a chiudere al transito, nei due sensi marcia, l’intera via Giovanni Abbro, ciò per scongiurare che i tori potessero investire persone od automezzi in transito e tentare la cattura degli stessi, grazie all’avvento dell’esperto personale della ditta all’uopo convenzionata, “Club Ippico Montena” di Giovi (SA).

I cinque tori, quattro adulti ed un vitello, vistisi “imprigionati”, abbandonata via Abbro, proseguivano per l’irta traversa di via Giovanni Abbro, inerpicandosi per il bosco posto a valle del colle di Sant’Adjutore, scongiurando, anche questa volta il sequestro. Ma non finisce qui! Operazione durante, la Sala Operativa dei Caschi Bianchi segnalava al Maggiore Ferrara, dirigente del servizio in atto, altra mandria, composta da sei mucche, anche questa al pascolo abusivo, sulla strada che dalla Frazione di San Pietro conduce a quella di Croce, esattamente all’altezza della Località Cannetiello.

I Caschi Bianchi, unitamente al personale della ditta specializzata alla cattura degli animali vaganti, si è portata in detta località, constatando, loro malgrado, che la stessa si era spinta in alta montagna, lasciando nella pizzetta di Croce un solo vitello, che vistosi braccato si è diretto, a gambe levate, sulla provinciale che da Croce di Cava de’Tirreni conduce a Pellezzano, ascendendo l’adiacente collina.

Con l’attuale legislazione vigente, la Polizia di Stato e quella Locale, anche questa volta hanno avuto, come risultato, il dispendio di risorse ed energie le quali, in presenza di future analoghe operazioni di polizia, possono essere recuperate solamente, previe indagini, con la definitiva individuazione dei legittimi proprietari, procedendo nei loro confronti alla comminazione delle sanzioni di legge.

Altra risolutiva soluzione, che certamente non piacerà agli animalisti, come non piace neanche a noi, ma che non trova diversa definitiva risoluzione, potrebbe essere quella dell’abbattimento in loco, recupero delle carcasse e immediata cremazione, tutto ciò nel rispetto di una nuova Ordinanza Sindacale, che certamente dovrà tener conto delle norme che regolano la “complessa materia”!

La Polizia di Stato, inoltre, durante l’esecuzione dei 33 posti controllo ha monitorato, nel transitare per la città dei portici, 489 autovetture e 576 persone a bordo, di cui 51 con precedenti penali. I controlli ai soggetti agli arresti domiciliari sono stati 99, mentre le contravvenzioni elevate per violazioni al codice della strada sono state 24, di cui 6 per guida col telefonico, 7 per guida senza tenere allacciate le cinture di sicurezza ed 11 per mancata revisione degli auto-motomezzi, omessa copertura assicurativa, patenti scadute di validità e mancata esibizione (temporanea) dei documenti di circolazione (patente o carta di circolazione, perché dimenticate). I passaporti rilasciati sono stati 35; oltre 7 rinnovi. I visti di Espatrio per i minori sono stati 15. I permessi rilasciati per uso caccia e sportivi sono stati 7; a parte 3 rinnovi.

I militari della Tenenza dell’Arma dei Carabinieri di via Pasquale Atenolfi, 72, al comando del Tenente Vincenzo Tatarella, nell’esecuzione dei 16 posti di controllo hanno “ispezionato” 25 autovetture e 45 persone a bordo, di cui 14 con precedenti penali. Le verifiche ai soggetti agli arresti domiciliari sono state 36, mentre le contravvenzioni elevate per violazioni al codice della strada sono state 2.

I denunciati in “stato di libertà” per reati in materia edilizia, ingiuria e minacce sono stati 6 e 13 gli interventi degli militari dell’Arma per danneggiamenti e reati predatori. L’aliquota Nucleo Mobile della Tenenza della Guardia di Finanza di via Generale Luigi Parisi, diretta dal Luogotenente Donato Affinito, ha “scovato” non pochi proprietari d’immobili che, per tutto il periodo estivo, hanno ceduto in locazione le loro unità abitative, senza stilare un regolare contratto di locazione e senza, superati i 30 giorni di locazione, comunicato le generalità dell’affittuario al Commissariato di Pubblica Sicurezza metelliano, come prescrive la “legge Moro”.

Lo stesso personale ha anche elevato 6 verbali per violazioni al codice della strada di cui 4 per guida senza tenere allacciate le cinture di sicurezza e 2 omessa copertura assicurativa.

 

Fonte: http://www.positanonews.it/articoli/82536/cava_de_tirreeni_due_mandrie_di_tori_e_mucche_braccate_dalla_polstato_e_caschi_bianchi.html

 

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *