Questo articolo è stato letto 0 volte

Milano – Vigile aggredito da un abusivo “Restituiteci lo spray urticante”

vigilesse

L’episodio nel metrò a Porta Genova: le due vigilesse che stavano arrivando in auto per aiutare il collega sono state coinvolte in un incidente stradale. L’appello del sindacato a Palazzo Marino.

 

Tre agenti della polizia locale sono finiti in ospedale, a Milano, con prognosi che vanno dai sette ai 15 giorni. Il primo ghisa è stato aggredito alle 15.40 da un venditore abusivo di borsette e ombrelli nel mezzanino della stazione della metropolitana a Porta Genova. Gli altri due agenti di polizia locale, due donne, si sono ferite in un incidente stradale, nel tentativo di raggiungere il collega.

 

Il pomeriggio nero per i vigili urbani comincia quando due ghisa del nucleo Tutela trasporto pubblico cercano di sequestrare la merce a un senegalese, venditore abusivo in metropolitana. L’uomo reagisce, nasce una zuffa, uno dei vigili ha la peggio. L’uomo scappa, ma il secondo ghisa lo rincorre e riesce a fermarlo. A quel punto i vigili chiamano rinforzi per procedere all’arresto in condizioni di sicurezza. La centrale di piazza Beccaria dirotta una pattuglia del nucleo Duomo in Porta Genova. L’auto in pochi minuti raggiunge piazzale Canore, a 200 metri da Porta Genova, ma lì va a schiantarsi contro un’auto privata che, nonostante la sirena accesa, non si era fatta da parte.

 

Le due vigilesse e il collega sono stati medicati ospedale. Il venditore abusivo è stato identificato e denunciato a piede libero per aggressione. “Quello che fa dispiacere è che ancora una volta chi aggredisce i vigili in poche ore è libero – dice Daniele Vincini, del sindacato Sulpm – Se poi il collega avesse avuto lo spray al peperoncino, che l’assessore Marco Granelli ha tolto dalla dotazione degli agenti, di certo il senegalese non lo avrebbe aggredito”.

 

Fonte:  milano.repubblica.it

Fonte:

One thought on “Milano – Vigile aggredito da un abusivo “Restituiteci lo spray urticante”

  1. Piena solidarietà e vicinanza ai colleghi.Certo, bisognerebbe che l’assessore ( e il Sindaco) avessero a cuore anche la sicurezza (e la salute) di chi li rappresenta (e difende) oltre a tante altre cose anche discutibili ma così non è ed a risciare la propria vita sono sempre i soliti, senza se e senza ma…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *