Questo articolo è stato letto 117 volte

La morte del trasgressore e gli effetti sull’obbligato in solido – note a margine della circolare del Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 146/2004. Approfondimento di G. Carmagnini

la-morte-del-trasgressore-e-gli-effetti-sullobbligato-in-solido-note-a-margine-della-circolare-del-ministero-del-lavoro-e-delle-politiche-sociali-n-1462004-approfondimento-di-g-carm.jpg

Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, con una circolare di cui si condividono i contenuti, si è espresso sul tema della natura dell’obbligazione solidale in materia di sanzioni amministrative, occupandosi degli effetti della morte del trasgressore nei confronti del soggetto che, ai sensi dell’articolo 6 della legge 24 novembre 1981, n. 689, o dell’articolo 196 del codice della strada, è tenuto al pagamento della sanzione amministrativa in ragione del particolare rapporto che lo lega all’autore materiale della violazione.
La questione, non pacifica in dottrina, deve essere valutata, a parere di chi scrive, in funzione della personalità della sanzione, che, grazie al suo carattere afflittivo assolve alla funzione, preliminarmente, general-preventiva, e, ove questa non abbia avuto una sufficiente efficacia, a quella special-preventiva…

Continua a leggere  

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *