Questo articolo è stato letto 0 volte

L’autovelox è irregolare: la municipale di Rieti pizzicata in divieto dalla Stradale

Lo strano caso di via Chiesa Nuova, ovvero come i vigili urbani di Rieti andarono per «sciampare» e furono «sciampati».La vicenda risale ad alcune settimane fa ma solo da alcuni giorni è argomento di ghiotta conversazione al comando della Municipale e nei dintorni. E’ successo che una pattuglia di vigili abbia pensato di piazzarsi in via Chiesa Nuova con furgone (anonimo) e autovelox (camuffato) credendo forse, forse, di beffare qualche automobilista di passaggio.
Ma per sfortuna dei vigili (e fortuna degli automobilisti) di passaggio quel giorno c’è anche una volante della Polizia stradale, che insospettitasi del movimento si ferma e chiede spiegazioni ai «colleghi» della Municipale. Rimpallo di responsabilità fino al più alto in grado dei tre – un capitano, eh – e tutto si conclude con una scusa bofonchiata a mezza bocca e con la promessa di rientrare al comando seduta stante.
Passa un po’ di tempo ma vigili urbani e furgone restano parcheggiati tra gli alberi della strada, dove li ritrova la volante della Stradale che a questo punto decide di identificare i tre. Non che ce ne fosse granché bisogno – a cominciare dal capitano in capo, a Rieti è l’uomo chiamato «Autovelox» – ma l’irritazione dei poliziotti è tale che decidono di dare almeno una lezione di «galateo» ai colleghi della Municipale i quali se ne tornano furenti al comando. E qui c’è la seconda brutta sorpresa della giornata: convinti di essere nel giusto, chiedono ragione e giustizia al comandante supremo Enrico Aragona.
Insomma, un bello shampo per quei poliziotti impiccioni direttamente dal Questore, o perché no, dalla Prefetto.

Ma al comandante della Municipale è bastato poco per capire che per quell’autovelox piazzato fortuitamente in via Chiesa Nuova lo shampo forse lo avrebbero meritato i suoi uomini. E allora meglio soprassedere e sperare che nessun altro, quella mattina, fosse passato di lì. E magari l’avesse raccontato in giro.

Fonte: www.ilmessaggero.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *