Questo articolo è stato letto 0 volte

Guida con assicurazione e patente false, due denunce della municipale

La municipale ha denunciato due persone durante un posto di controllo sulla Caorsana. Uno guidava con l’assicurazione contraffatta, l’altro con una patente falsa.

Un 44enne, residente a Cremona, è stato denunciato, nei giorni scorsi dalla Polizia Municipale,è stato sorpreso a guidare senza assicurazione, perché contraffatta.

L’uomo stava transitando, alla guida di una Fiat Punto in via Caorsana, quando la pattuglia della Municipale, impegnata in un controllo stradale con Telelaser, all’altezza di Roncaglia, al fine di scoraggiare la velocità eccessiva che interessa quella zona, gli ha intimato l’alt. Quando il conducente ha esibito l’assicurazione, gli agenti hanno notato che molti elementi del documento non risultavano conformi agli standard previsti.

Da qui, ulteriori accertamenti, dai quali è emerso non solo che la Compagnia assicurativa indicata sul contrassegno non aveva stipulato alcun contratto per quel veicolo, ma l’assicurazione era fasulla, come confermato anche dalle perizie tecniche portate a termine dall’Ufficio Falsi Documentali del Comando di via Rogerio. L’automobilista in questione, nel frattempo accompagnato al Comando, candidamente, ammetteva le proprie responsabilità, anche in veste di autore materiale del falso.

Pertanto si procedeva a redigere a suo carico il verbale di violazione ai sensi dell’ art. 193 comma 2 e 4 bis del Codice della strada, con conseguente ritiro della patente di guida ai fini della sospensione, inoltre veniva denunciato all’autorità Giudiziaria per Falsità di Atti tra Privati e il documento veniva sequestrato.

Sempre durante un posto di controllo in via Caorsana è stato denunciato nella giornata di ieri un cittadino residente a Piacenza. Alla richiesta di esibire i documenti obbligatori di guida, il conducente, in forte stato di agitazione, esibiva una patente di guida rilasciata dalla Motorizzazione Civile di Piacenza, ma lo strano comportamento e alcuni elementi del documento insospettivano gli agenti tanto da decidere una verifica più approfondita del documento. L’ulteriore accertamento al terminale della motorizzazione confermava i sospetti: il documento era falso. Il trentanovenne veniva accompagnato al Comando di via Rogerio per la completa identificazione. L’uomo dovrà rispondere di falsità di materiale commessa da privato, uso di atto falso e guida senza patente mentre per il veicolo è scattato il fermo amministrativo.

Fonte: www.ilpiacenza.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *