Questo articolo è stato letto 0 volte

Vigili Roma, spesa gratis a suon di minacce: indagato agente

vigile_roma_sanzioni

Vigili urbani di nuovo nel mirino a piazzale Clodio. E ancora per le presunte vessazioni ai danni di commercianti. Mentre la procura di Roma si appresta a chiedere il rinvio a giudizio per i due vigili urbani del I gruppo arrestati ad aprile che avrebbero taglieggiato i fratelli Bernabei, titolaridell’omonima enoteca di Trastevere, si è aperto un altro fronte di inchiesta per concussione. Il pm Attilio Pisani ha iscritto nel registro degli indagati un vigile urbano del X gruppo, Paolo Mauro, 45 anni.

Che essendo addetto ai controlli del settore commercio nel quartiere Tuscolano, avrebbe preso l’abitudine di prelevare a suo piacimento merce dai banchi del terminal della metro Anagnina, minacciando gli ambulanti di ritorsioni a suon di verbali e sequestri. Un vizio che a fine novembre gli era già costato l’arresto in flagranza di reato, disposto dal pm Pesci. Ora è stato aperto un nuovo fascicolo a suo carico in seguito alla denuncia di un ambulante bengalese proprio del mercatino di Anagnina, il primo ad avere avuto il coraggio di formalizzare le accuse contro il vigile.

Il pm Pisani, che nel frattempo ha acquisito il fascicolo del collega Pesci, a breve firmerà le deleghe per le audizioni di rito. Nella scaletta degli interrogatori il commerciante bengalese che, già ad agosto, ha denunciato le angherie subite, ma anche altri ambulanti dello stesso mercatino rimasti finora in silenzio.

AI DOMICILIARI
Per Paolo Mauro, nel frattempo, subito dopo l’interrogatorio di garanzia per l’arresto di novembre e due giorni di carcere a Regina Coeli, sono stati disposti gli arresti domiciliari. Eppure chi lo conosce bene, lo descrive come un vigile attento, dal modo di fare bonario, un funzionario che in passato si era schierato contro alcuni colleghi del suo gruppo indagati per aver taglieggiato i commercianti, pena maxi sequestri di immobili o attività commerciali. Il suo arresto era stato presentato alla stampa con una nota del 23 novembre dalla stessa Polizia Roma Capitale, mantenendo la massima riservatezza sull’identità. Il comandante generale del Corpo di Polizia Locale di Roma Capitale, Carlo Buttarelli, nell’occasione aveva espresso apprezzamenti sui colleghi del vigile arrestato: «Il Corpo, con questa operazione, ha fatto autonomamente pulizia al proprio interno».

 

Fonte:  www.ilmessaggero.it

Fonte:

One thought on “Vigili Roma, spesa gratis a suon di minacce: indagato agente

  1. Anche Milano, si trova in queste situazioni. Io, ad esempio sono un teste oculare di diversi colleghi che fanno sempre lo stesso mercato di via Fauchè e alla fine del servizio sempre si portano qualcosa a casa. Loro dicono che sono grandi amici ma a me frega poco, vista la figuraccia. Riferire al superiore già fatto ma anche lui compra più gratis possibile. Al Comando tempo sprecato, visto che dovrebbero essere denunciati loro per truffa ai danni del Comune. Tutto il santo giorno stanno davanti ai computer e per mettere delle firme che non interessano nessuno, vengono pure pagati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *