Questo articolo è stato letto 1 volte

Nuovi regolamenti sui mezzi pesanti e sulle commissioni mediche locali

Il Consiglio dei ministri ha approvato due regolamenti che modificano il Codice della strada

In quel cantiere eternamente aperto che è il Codice della strada, arrivano altri due regolamenti, uno sui mezzi pesanti, e l’altro sulle commissioni mediche locali, approvati su proposta del ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, di concerto con i ministri competenti. Il fine ultimo è sempre il miglioramento della sicurezza stradale.

VEICOLI ECCEZIONALI – Il primo regolamento interviene sulla parte relativa ai veicoli eccezionali e trasporti in condizioni di eccezionalità, di segnaletica verticale e di sagoma e masse limiti delle macchine agricole, nonché in materia di attrezzature delle macchine agricole. Così, è stato adeguato il Codice della strada alle novità in tema di sicurezza stradale introdotte dalla Legge 120 del 2010 in materia di pneumatici invernali, scorta di veicoli eccezionali, durata dell’autorizzazione alla circolazione delle macchine agricole eccezionali, rilascio dell’autorizzazione alla circolazione dei veicoli eccezionali e dei trasporti in condizioni di eccezionalità. Fra gli obiettivi, verranno riservate le scorte della Polizia stradale ai soli casi che non potrebbero essere assolti dalle scorte tecniche, e sarà consentito l’impiego nei servizi di scorta di personale interno all’amministrazione per i trasporti eccezionali militari e degli Enti assimilati. Verrà inoltre consentito agli Enti proprietari di strade di imporre con congruo anticipo l’obbligo di avere a bordo idonei mezzi antisdrucciolevoli ovvero di montare pneumatici invernali, utilizzando anche l’idonea segnaletica.

PATENTI – Per quanto riguarda le commissioni mediche locali, il legislatore ha inteso semplificare le procedure afferenti la costituzione delle commissioni mediche locali e la nomina dei rispettivi presidenti, nonché l’attribuzione dei relativi poteri in capo alle Regioni e Province autonome, quali soggetti costituzionalmente compenti in materia di sanità. La maggiore celerità prevista per la costituzione delle commissioni mediche e la possibilità che le stesse, su valutazione delle regioni ovvero delle province autonome di Trento e Bolzano, possano essere implementate, dovrebbe migliorare la sicurezza stradale: le verifiche sui requisiti psico-fisici dei conducenti potranno essere eseguite in tempi più rapidi rispetto a quelli attuali che, in alcune realtà, vengono effettuate a distanza variabile dai sei mesi a un anno rispetto alla prenotazione richiesta dal cittadino.

 

Fonte: www.sicurauto.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *