Questo articolo è stato letto 1 volte

Spotorno, acido sull’auto dei vigili

Savona – Acido sui vigili. Ignoti, nella tarda mattinata di ieri, nella fascia oraria compresa tra le ore 12.50 e le 13.20, hanno rovesciato dell’acido sull’auto della polizia municipale, posteggiata nei pressi delle scuole mentre i due agenti di pattuglia erano impegnati a fare servizio d’ordine all’uscita degli studenti.

Un vero e proprio attentato alla polizia municipale ed è la prima volta che accade qualcosa del genere, anche se in effetti, un paio di mesi fa, il comandante Andrea Saroldi aveva sporto denuncia contro ignoti per danneggiamenti ma in quel caso all’auto privata del comandante. Questa volta, si potrebbe trattare di un atto intimidatorio, una sorta di avvertimento alla polizia municipale da parte di qualche automobilista che, magari, crede di essere stato “punito” ingiustamente, con qualche multa o denuncia o magari da più multe vista la presenza di ben tre autovelox, di cui uno fisso sulla Provinciale, funzionante 24 ore su 24 e che non perdona se si superano i limiti di velocità. Si tratta comunque di un gesto estremamente grave, mai registrato a Spotorno e che ha destato una certa preoccupazione in paese. Subito sono scattate le indagini da parte della polizia municipale e delle forze dell’ordine che valuteranno tutti i possibili indizi per poter risalire all’autore o autori dell’insano gesto.

E sebbene in giro, a quell’ora ci fosse un bel po’ di gente, pare che nessuno si sia accorto di nulla prima che gli agenti, avvicinandosi alla propria auto, abbiano visto colare dalle portiere l’acido che, via via, ha corroso sia la carrozzeria che la scritta “polizia locale” sulla fiancata dell’auto. Per fortuna, nessuno dei due agenti ha appoggiato la mano sulla portiera evitando così il rischio di forti ustioni che l’acido provoca.

«E’ la prima volta che accade una cosa del genere e speriamo anche che sia l’ultima – dice il comandante Andrea Saroldi – non posso escludere nulla, ma sicuramente se l’intenzione era quella di fare un attentato alla polizia municipale non era l’ora né il posto più adatto, in quanto solitamente viene fatto di notte e vicino al Comando. Nel contempo non mi sembra una ragazzata. Ma potrebbe anche un avvertimento visto che stiamo stravolgendo la viabilità del paese e proprio questa sera (ieri per chi legge) è prevista l’assemblea pubblica. Ma è anche vero che la polizia municipale è un mero esecutore di quello che sono le scelte della politica e pertanto noi, in questo caso, ci limiteremmo eventualmente a cambiare la segnaletica. Ma l’aspetto più grave di questa vicenda è il fatto che in questo insano gesto si cela un attacco diretto ai lavoratori. Se uno dei due agenti fosse stato minimamente distratto e avesse appoggiato la mano sulla portiere si sarebbe procurato una notevole ustione».

Fonte: www.ilsecoloxix.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *