Questo articolo è stato letto 1 volte

Pioggia di multe, sradicato e gettato a terra l’autovelox della strada dei Vivai

PADOVA – Meno di due mesi di vita, poi la mano dei vandali la scorsa notte ha messo fuori uso l’autoveloxche era stato posizionato lo scorso dicembre lungo lastrada dei Vivai sotto il territorio di Piove di Sacco al confine col comune di Pontelongo. A fare la scoperta ieri mattina i carabinieri che hanno notato il dispositivo scardinato e abbandonato poco lontano. 

Difficile al momento capire chi abbia potuto commettere un episodio di vandalismo così grave. Due le piste seguite dagli inquirenti: il gesto sconsiderato di qualcuno che dopo una notte di bagordi ha pensato di sfogare le proprie frustrazioni contro un oggetto di assoluta importanza per la sicurezza, oppure un’azione messa in atto da qualche automobilista stanco di ricevere a casa verbali per eccesso di velocità. Le forze dell’ordine già oggi esamineranno i filmati delle videocamere installate sul territorio per tentare di raccogliere elementi utili alla scoperta dei colpevoli. Ma non sarà facile. 

L’autovelox in quel tratto di strada tristemente noto per decine di incidenti con esiti anche mortali eratarato a 70 chilometri orari. Nelle prima settimana in cui entrò in funzione, arrivò a registrare addirittura300 infrazioni. Questo portò l’ormai ex sindaco di Piove di Sacco Sandro Marcolin a utilizzarlo soltanto in orari notturni. Durante la giornata, invece, si optò per spegnerlo. Evidentemente anche questa decisione del primo cittadino a qualcuno non è piaciuta e la scorsa notte è scattata la «vendetta». 
Un gesto grave contro chi chiede maggiore sicurezza. 

La strada dei Vivai è considerata il percorso viario della provincia di Padova più a rischio sinistri. Numerosi comitati spontanei costituiti da familiari di vittime della strada o semplici residenti, avevano fatto di tutto per convincere l’amministrazione a correre ai ripari con qualche deterrente all’alta velocità. Ora resta da capire quanto tempo verrà impiegato per posizionarne uno nuovo, alla luce del fatto che il comune di Piove di Sacco è stato commissariato.

Fonte: www.gazzettino.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *