Questo articolo è stato letto 0 volte

Sicurezza stradale, l’ACI continua a formare gli automobilisti stranieri

Fino ad oggi sono oltre 1.300 che hanno seguito i corsi di guida sicura per essere “Ambasciatori” nelle proprie comunità

Gli automobilisti stranieri in Italia continuano ad essere “Ambasciatori di Sicurezza Stradale” grazie all’ACI. L’iniziativa, lanciata la scorsa estate, prosegue nel 2013 offrendo 1.000 corsi gratuiti di guida sicura all’anno per tre anni con l’obiettivo di fargli diffondere in famiglia e nelle comunità nazionali il valore del rispetto del Codice delle Strada.

L’iniziativa è patrocinata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, dal Ministero degli Affari esteri, dal Ministero della Cooperazione internazionale e integrazione e dal Ministero degli Affari regionali, turismo e sport. Il progetto è sostenuto da SARA Assicurazioni e da ACI Global. “La sicurezza stradale non è una questione di razza o di colore della pelle – ha detto il presidente dell’AC Roma, Pasquale De Vita -, ma un obiettivo che l’Automobile Club d’Italia e quello di Roma perseguono anche con questo progetto formativo, improntato ai valori dell’accoglienza e dell’integrazione. La cultura della sicurezza è la nostra chiave di volta per una mobilità responsabile e realmente sostenibile”.

Fino ad oggi sono oltre 1.300 gli automobilisti stranieri nominati “Ambasciatori di Sicurezza Stradale” ed i partecipanti ai corsi 2013 continueranno ad essere selezionati dalle comunità nazionali in modo che ogni gruppo abbia una composizione omogenea. Le giornate di insegnamento sono 18 e tutte programmate per i fine settimana a Vallelunga (Roma) che sarà raggiunta dai 60 allievi con pullman messi a disposizione dall’organizzazione. La prima data del corso, composto da una parte teorica ed una pratica con guida in condizioni di scarsa aderenza e sul bagnato, è fissata per il 3 febbraio. Ricordiamo che l’unica condizione per partecipare è il possesso della patente di guida e che ai corsi assiste sempre un rappresentante della Polizia Stradale. E’ possibile chiedere di partecipare compilando un modulo sul sito www.aci.it. 

Fonte: www.omniauto.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *