Questo articolo è stato letto 1 volte

Bagnara Calabra – Arrestato comandante polizia municipale

vigili_traffico2

Ufficiale comune Calabria accusato di corruzione e falso

 

(ANSA) – BAGNARA CALABRA (REGGIO CALABRIA) – Il comandante della polizia municipale di Bagnara Calabra, Giuseppe Bellantone, e’ stato arrestato dai carabinieri della Compagnia di Palmi per corruzione, tentato peculato e falso.
Bellantone e’ accusato di avere riconosciuto ad una Onlus rimborsi per spese mai sostenute.
Inoltre avrebbe ricevuto due veicoli a titolo gratuito in cambio di omessi controlli e avrebbe commesso falsi per il rilascio di autorizzazioni per occupazione di suolo pubblico.

 

Fonte: www.lagazzettadelmezzogiorno.it

Fonte:

2 thoughts on “Bagnara Calabra – Arrestato comandante polizia municipale

  1. Penso sia necessario cambiare le modalità di assunzione e la tipologia di contratto dei comandanti.
    Non possono essere assunti in base alle “simpatie” dei sindaci ma devono fare un concorso regionale e devono essere iscritti ad un albo….
    Deve tornare ad essere un incarico che la gente non fà per arricchirsi, ma per prestigio e lo deve fare con il SOLO fine di Onorare il Corpo della Polizia Municipale.
    Inoltre non deve essere un posto dove far finire i trombati della politica.
    Alcuni Comandanti sono davvero eccezzionali, altri sono gabellieri del sindaco, interinali di lusso ed altri anche peggio……
    Speriamo che un giorno non troppo lontano qualcuno si accorga che le cose così come sono non vanno, ma devono cambiare.

  2. Non conosco il collega cui si riferisce la notizia nè il caso, salvo quanto letto dalla nota ansa, pertanto no entro nel merito e lascio che siano i giudici a giudicare il caso, valutando le responsabilità.
    Mi auguro solo che i lettori -che dovrebbero essere addetti ai lavori ed operatori di polizia locale- non trascurino che le misure cautelari dicono poco in ordine alle responsabilità reali degli indagati e che occorre, prima di farsi una idea precisa sulla condotta morale delle persone, attendere di leggere le sentenze e non le poche righe di informazione che possono essere attinte dalla stampa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *