Questo articolo è stato letto 8 volte

Lavoratore costretto a violare la legge: reato di estorsione

I fatti traggono origine da un’attività investigativa che dimostrò che alcuni conducenti avevano violato la normativa sul cronotachigrafo e conseguentemente sui tempi di guida nell’autotrasporto in quanto costretti dal datore di lavoro che “ventilava” loro un possibile licenziamento. Non sono pochi poi i casi in cui, a seguito di perquisizioni, sono state trovate nell’ufficio del datore di lavoro lettere di dimissioni già preformate ma senza data, per cui è facile immaginare la posizione svantaggiata del dipendente.
La Corte di Cassazione (Sezione II Penale Sentenza 20 dicembre – 23 gennaio 2013, n. 3426 – Presidente Carmenini – Relatore Iannelli) ha chiarito che “deve ritenersi integrato il delitto di estorsione in presenza della condotta del datore di lavoro che, approfittando della situazione di minorata difesa del lavoratore, lo costringa, con la minaccia anche larvata di licenziamento, ad accettare condizioni di lavoro contrarie alle leggi ed ai contratti collettivi, per massimizzare il suo profitto attraverso un ingiusto danno patrimoniale al dipendente. Danno patrimoniale che si realizza quando al soggetto passivo sia imposto di porsi in rapporto negoziale di natura patrimoniale con l’agente: in tal caso, l’elemento dell’ingiusto profitto con altrui danno è implicito nel fatto stesso che il contraente-vittima sia costretto al rapporto in violazione della propria autonomia negoziale, impedendogli di perseguire i propri interessi economici – nel caso di specie la durata e le modalità della prestazione – nel modo e nelle forme ritenute più confacenti, opportune nel rispetto della legge e dei contratti collettivi di lavoro.”
La sentenza certamente aiuta e ci impone, quando si effettuano i controlli su strada, di approfondire le indagini, magari prendendo a dichiarazioni il conducente/trasgressore.
Ma abbandoniamo per un attimo questa storia e spostiamo il contenuto di questa pronuncia nel nostro lavoro.
Forse il comportamento del datore di lavoro che, con minacce anche velate di mancata progressione economica o “pagellina insufficiente di fine anno” per la produttività, cerca di far adottare dal funzionario atti illegittimi (si pensi alla gestione del velox, dell’edilizia, occupazioni suolo pubblico, ecc, ecc), configura il reato di estorsione? Certamente questa sentenza apre la strada per spunti molto interessanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *