Questo articolo è stato letto 0 volte

Sicurezza stradale: arriva la norma ISO 39001 per la gestione del traffico

In arrivo la norma ISO 39001 per la gestione dei rischi per del traffico.

Un nuovo standard internazionale creato per aiutare coloro che svolgono un ruolo di responsabilità nella gestione della sicurezza stradale: ecco che cos’è la ISO 39001. È studiato per ridurre gli incidenti gravi e mortali che avvengono sulla strada ed è parte delle azioni proposte dalle Nazioni unite all’interno del programma “United Nations Decade of Action for Road Safety”.

LA BASE DI PARTENZA – Una ricerca internazionale promossa dall’Organizzazione mondiale per la sanità ha registrato oltre 1,3 milioni di morti sulle strade di tutto il mondo e oltre 50 milioni di incidenti gravi ogni anno, senza considerare che i sinistri stradali sono la maggiore causa di morte tra i giovani in età compresa tra i 10 e i 24 anni. Negli ultimi anni, inoltre, l’aumento di incidenti stradali mortali è stato del 65%; si stima che entro il 2030 questa sarà una delle prime 5 cause di morte a livello mondiale. Senza interventi mirati, si stima che nel 2020 le morti causate da incidenti stradali saranno circa 1,9 milioni all’anno. Numeri che fanno paura e che spiegano perché è lavorato a favore della nascita dell’ISO 39001, il nuovo standard per tutte le organizzazioni che intendono partecipare attivamente alla sicurezza del traffico stradale (RTS). Fornisce un quadro comune di riferimento basato sulle migliori pratiche di gestione per affrontare i rischi per la sicurezza stradale, sia per le municipalità che per tutti gli altri operatori del traffico.
 

UN CONTRIBUTO ATTIVO – Adottando le best practice di gestione definite dalla ISO 39001, le imprese e le aziende possono attivamente contribuire, compatibilmente con il loro ambito di influenza, a ridurre il rischio di morte e di gravi lesioni causate dal traffico stradale. Il nuovo standard è uno strumento prezioso per qualsiasi organizzazione che ne potrà apprezzare i vantaggi, per se stessa e i suoi stakeholder, derivanti da un sistema di gestione della sicurezza stradale; questi includono l’organizzazione e la tutela dei dipendenti, del management, degli investitori e dei clienti. Con l’adozione dell’approccio strutturato e olistico proposto dalla ISO 39001, le organizzazioni dovrebbero essere in grado di migliorare i loro risultati nella gestione del traffico, di adeguarsi alle leggi vigenti contribuendo nel contempo ad un alto obiettivo per la società tutta: un minor numero di incidenti stradali.
 

COS’È IN CONCRETO – Lo standard richiede all’organizzazione di stabilire, implementare, mantenere e sviluppare un sistema di gestione per la sicurezza del traffico (RTS), e di migliorare le performance nell’ambito del sistema RTS. Così si punta a una riduzione delle assenze per malattia, dei rischi di citazione legale per negligenza, nonché dei costi per riparazione di autoveicoli e delle controversie legali, con benefici anche per le RCA. Con l’adozione dell’approccio strutturato e olistico proposto dalla ISO 39001, le organizzazioni saranno in grado di migliorare i loro risultati nella gestione del traffico e di adeguarsi alle leggi vigenti. Il sistema di gestione ISO 39001 è stato progettato per aiutare le organizzazioni a concentrarsi sui propri obiettivi in ambito RTS e a guidare la pianificazione delle attività ad esso inerenti. Per gli operatori di flotta, per esempio, ISO 39001 può aiutare a focalizzare l’attenzione verso rischi comuni come quello di infortuni gravi e mortali attraverso il controllo di fattori quali: limiti di velocità
, inabilità alla guida causata da alcol, droghe o stanchezza
, uso di attrezzature appropriate, quali cinture di siucrezza e caschi
, pianificazione del viaggio sicuro.

 

Fonte: www.sicurauto.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *