Questo articolo è stato letto 0 volte

Sicurezza stradale: nasce standard ISO 39001 per migliorarla

ROMA – Coloro che svolgono un ruolo di responsabilita’ nella gestione della sicurezza stradale hanno ora a disposizione un nuovo standard internazionale – l’ISO 39001 – che e’ stato studiato e creato per ridurre gli incidenti gravi e mortali che avvengono sulla strada. Questa iniziativa fa parte delle azioni proposte dalle Nazioni Unite all’interno del programma ‘Decade of Action for Road Safety’, che punta a ridurre l’impatto degli incidenti stradali che, secondo una ricerca internazionale promossa dall’Organizzazione Mondiale per la Sanita’, sta registrando incrementi allarmanti. Secondo quanto riferisce una nota della British Standards Institution (BSI) negli utlimi anni l’aumento d’incidenti stradali mortali e’ stato del 65% e si stima che entro il 2030 questa sara’ una delle prime 5 cause di morte a livello mondiale. Il 90% di questi incidenti stradali colpisce i Paesi in via di sviluppo nonostante questi abbiano meno della meta’ della media dei veicoli degli altri e – fa notare BSI – senza interventi mirati le proiezioni indicano che nel 2020 le morti causate da incidenti stradali saranno circa 1,9 milioni all’anno. Oltre alla perdita di vite umane e alla devastazione che causano in termini di danni alle attrezzature e alle strutture, gli incidenti stradali costano – secondo una stima Worldbank – ogni anno ai vari Paesi tra l’1 e il 3% del PIL mentre nei Paesi in via di sviluppo l’impatto e’ valutato circa 100 miliardi di sterline (pari a 115,5 miliardi di euro).

”La ricerca evidenzia l’urgenza per tutti i Paesi di intervenire in questo ambito – osserva Luigi Brusamolino, amministratore delegato BSI South Europe – con un approccio sistematico e coerente, che sia in grado di apportare benefici non solo a chi lo adotta ma alla societa’ tutta”.

Il nuovo standard ISO 39001 – fa notare BSI – e’ destinato a tutte le organizzazioni che intendono partecipare attivamente alla sicurezza del traffico stradale. La norma fornisce un quadro comune di riferimento basato sulle migliori pratiche di gestione per affrontare i rischi per la sicurezza stradale, sia per le municipalita’ che per tutti gli altri operatori del traffico. Adottando le ‘best practice’ di gestione definite dalla ISO 39001, le imprese e le aziende possono attivamente contribuire, compatibilmente con il loro ambito di influenza, a ridurre il rischio di morte e di gravi lesioni causate dal traffico stradale. Il nuovo standard e’ uno strumento prezioso per qualsiasi organizzazione che potra’ apprezzare i vantaggi derivanti da un sistema di gestione della sicurezza stradale; questi includono l’organizzazione e la tutela dei dipendenti, del management, degli investitori e dei clienti. Con l’adozione dell’approccio strutturato e olistico proposto dalla ISO 39001 – conclude la nota di BSI – le organizzazioni dovrebbero essere in grado di migliorare i loro risultati nella gestione del traffico, di adeguarsi alle leggi vigenti contribuendo nel contempo ad un alto obiettivo per la societa’ tutta, cioe’ un minor numero di incidenti stradali.

Fonte: www.ansa.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *