Questo articolo è stato letto 8 volte

L’autovelox nel cielo: dalla Spagna arriva l’elicottero Pegasus

La polizia spagnola beccherà dall’alto con un radar chi supera i limiti di velocità comminando la multa immediata.

Sulle strade spagnole le multe per eccesso di velocità pioveranno letteralmente dal cielo ora che la polizia ha equipaggiato un elicottero con un sofisticato radar autovelox.

SUPPORTO DALL’ALTO – La Dirección General de Tráfico (DGT), la polizia spagnola che pattuglia le autostrade della Spagna, ha annunciato che presto sarà operativo lungo le arterie principali e secondarie il controllo di velocità dal cielo. Uno dei 19 elicotteri della polizia, battezzato Pegasus,è stato equipaggiato con un dispositivo radar in grado di rilevare una violazione dei limiti di velocità e riconoscere la targa delle auto. In caso di presunta violazione dei limiti, il radar effettua tre diversi rilevamenti per confermare l’infrazione. Subito dopo comunica la targa del veicolo e le foto dei rilevamenti al Centro Statale Elaborazione Denunce Automatizzate, il quale procederà ad inviare la multa  all’intestatario direttamente a casa. Se la velocità supera di 60 km/h nel centro abitato o 80 km/h su strada extraurbana il limite imposto, la sanzione amministrativa diventa reato contro la sicurezza stradale. In questi casi l’elicottero Pegasus contatta le pattuglie da terra della Guardia Civil (la polizia militare) per fermare il veicolo e identificare il conducente.

A PROVA DI SUPERCAR – Il primo autovelox volante al mondo, installato su un pattino dell’elicottero, è stato sviluppato in sei anni di ricerca e test da un’azienda canadese per un costo di circa 60 mila euro. La DGT tiene a precisare che tutto quel che riguarda il progetto, dall’idea all’algoritmo di controllo della velocità è frutto dell’ingegno spagnolo. L’attendibilità delle rilevazioni, infatti, è stata certificata dal Centro spagnolo di metrologia, un’agenzia del Ministero dell’Industria, dell’Energia e del Turismo. Il radar è in grado di rilevare violazioni dei limiti con estrema precisione, maggiore efficienza e rapidità delle postazioni fisse e mobili. A circa300 metri di altitudine e fino a un chilometro in linea d’aria, le due telecamere installate sull’elicottero rilevano velocità fino a 360 km/h.

CONTROLLA 100 KM IN 2 ORE – La direzione della DGT precisa alla presentazione del nuovo elicottero che Pegasus non sarà uno strumento di riscossione tributi ma solo un mezzo più efficiente per ridurre gli incidenti mortali provocati dalla velocità. Solo nel 2011, secondo i dati diffusi, 475 persone hanno perso la vita in Spagna per cause direttamente legate all’alta velocità. Con l’elicottero Pegasus la polizia spagnola si prefigge il compito di reprimere le infrazioni per una guida pericolosa dove un autovelox mobile non riesce ad essere tempestivo ed efficace. Lungo le arterie autostradali ed extraurbane a più corsie per senso di marcia Pegasus sarà in grado di monitorare istantaneamente oltre 100 km di strada in un volo di 2 ore.

Fonte: www.sicurauto.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *