Questo articolo è stato letto 0 volte

Slot-machine, “un pericolo” per la sicurezza stradale

videopoker_slot_videogiochi

Lo sostiene l’Asaps che ha condotto un’inchiesta ed ora chiede che nelle stazioni di servizio sia vietato questo genere di gioco.

 

Slot-machine e videopoker sono come alcol o droga? Secondo l’Asaps sì. L’Associazione vicina alla Polizia Stradale ha iniziato ad indagare dopo che diversi agenti hanno constatato che nelle aree di servizio stradali e autostradali stanno proliferando postazioni di slot-machine e videopoker. La domanda che si è posta l’Asaps è: “Se un conducente cadesse vittima del desiderio compulsivo (fortissimo e incontrollabile) tipico del GAP e che se non soddisfatto può provocare sofferenza psicologica e fisica, ansia, insonnia, aggressività e altri sintomi depressivi, quali effetti avrebbe sulla guida? La risposta è purtroppo semplice e come gli studi clinici dimostrano, si tratterebbe di una sorta di guida in stato di ebbrezza a tutti gli effetti”. I risultati dell’inchiesta saranno pubblicati per interno sul prossimo numero de Il Centauro, la rivista dell’Asaps, ma per il momento possiamo ricordare che l’Italia è il primo Paese in Europa ed il terzo nel mondo dopo USA e Giappone, nel gioco d’azzardo.

Il GAP, il Gioco d’Azzardo Compulsivo, sembra essere diventato una piaga sociale aggravata dalla crisi e costa agli italiani qualcosa come 1.890 euro di spesa pro-capite, per un giro d’affari complessivo di circa 80 miliardi di euro, a cui vanno aggiunti altri dieci miliardi provenienti dalle scommesse clandestine. Va detto però che in autostrada il fenomeno appare ancora abbastanza limitato dalle società concessionarie. In particolare, come ricorda l’Asaps, “Autostrade per l’Italia ha sempre fatto interventi di moral suasion per limitarne l’istallazione ma non ha potuto impedirla in quanto le stesse slot machine risultano essere collegate (dalla stessa normativa) essenzialmente alle attività tabacchi (pubblico esercizio). Ma nelle prossime gare di affidamento per la gestione delle Aree di Servizio, Autostrade per l’Italia intende fortemente incentivare la rinuncia degli operatori Ristoro all’istallazione delle slot machine, valorizzandola come punteggio valido per l’aggiudicazione delle nuove sub-concessioni”. “Per questo diciamo un fermo no alla diffusione di slot machine nelle aree di servizio, non c’è bisogno di altri strumenti alimentatori di rischio sulle strade“, ha detto Giordano Biserni, presidente dell’Asaps.

 

Fonte: www.omniauto.it

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *