Questo articolo è stato letto 6 volte

I principi della trasparenza e della lealtà amministrativa nel decreto legislativo 33/2013 di riordino degli obblighi di pubblicità e diffusione di informazioni della p.a. (Quarta parte) (S. Usai)

i-principi-della-trasparenza-e-della-lealt-amministrativa-nel-decreto-legislativo-332013-di-riordino-degli-obblighi-di-pubblicit-e-diffusione-di-informazioni-della-p-a-quarta-parte.jpg

> Prima parte
> Seconda parte
> Terza parte

1. Premessa 
Con il decreto legislativo 33/2013 il legislatore, non pago (sul punto si veda anche l’attenta riflessione di T. Tessaro “Dica… trentatré. Una nuova cura per l’amministrazione: l’accesso civico (art. 5 d.lgs. 33/2013)” in questa rivista il 9/4/2013), ha introdotto quella che sembra essere una fattispecie di accesso agli atti denominata: accesso civico. Laddove con l’aggettivo si intende una forma generale di accesso svincolata da ogni formalismo ed incardinata neanche su un interesse specifico – che normalmente legittima l’accesso “tradizionale” – ma, banalmente, un diritto che scaturisce quasi ex se dal correlato obbligo della pubblica amministrazione di “essere” trasparente e di pubblicare sul proprio sito web una serie di informazioni, dati, atti relativi alla sua azione e alla sua organizzazione. 
Si assiste pertanto ad una configurazione diversa del (generale) diritto di accesso che consegue e/o è subordinato all’esistenza di un interesse specifico – non a caso tradizionalmente la domanda di ostensione degli atti deve essere motivata – che, inoltre, caso mai è condizionata dalla circostanza di detenere atti e/o informazioni che possono essere alla base della lesione (anche potenziale) di posizioni giuridiche soggettive…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *