Questo articolo è stato letto 1 volte

L’agente della PM è costretto a fermare il conducente del velocipede che tenta di allontanarsi e non farsi identificare? Se il ciclista cade per sottrarsi al controllo e si procura lesioni l’agente non ne risponde. Cassazione penale, sez. IV, 9/5/2013, n. 20118

lagente-della-pm-costretto-a-fermare-il-conducente-del-velocipede-che-tenta-di-allontanarsi-e-non-farsi-identificare-se-il-ciclista-cade-per-sottrarsi-al-controllo-e-si-procura-lesion.jpg

L’identificazione dei responsabili delle infrazioni al codice della strada rientra nell’ambito delle attribuzioni proprie della Polizia Municipale, la quale deve reputarsi dotata, in ragione dei propri fini istituzionali, dei poteri strettamente funzionali al compimento dell’attività di accertamento delle infrazioni. Tale attività può estrinsecarsi anche, ove necessario, nell’atto di fermare i trasgressori al fine di procedere alla contestazione della violazione.

Vedi il testo della sentenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *