Questo articolo è stato letto 7 volte

Ancora sui box dissuasori di velocità

speed-check

speed-checkCome oramai tutti sanno, esistono in commercio dei box che, posizionati in centro abitato (dove nella quasi totalità dei casi non è possibile la postazione fissa senza pattuglia), hanno un effetto dissuasivo con conseguente riduzione della velocità media.
Passato però il primo spavento, quando l’automobilista capisce che il “box è finto” (cioè non c’è l’apparecchiatura per il controllo della velocità), la velocità torna a salire.
E così si cerca di porre rimedio con la presenza della pattuglia che, a rotazione, utilizza l’autovelox. Ma qui si pone il problema del preavviso della postazione e della visibilità. Con una risposta ad un quesito che non mancherà di far discutere (e che si ha motivo di dubitare possa resistere a lungo alla giurisprudenza), il MIT (prot. 1561 del 13 marzo 2013) precisa che non è necessario che la pattuglia sia visibile nei pressi dell’apparecchiatura potendo essere, sempre secondo la singolare interpretazione ministeriale, anche nelle immediate vicinanze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *