Questo articolo è stato letto 0 volte

Pesaro – Falsi vigili in divisa truffano anziana. Raffica di furti in negozi e case

Ladri e truffatori scatenati in tutta la città, una decina di colpi in una notte.

PESARO – Hanno suonato alla porta presentandosi come due vigili urbani. Hanno detto all’anziana proprietaria che nella notte aveva subito un furto e serviva la sua testimonianza. In realtà erano loro i ladri. E se ne sono andati portando via soldi e gioielli.
E’ accaduto ieri in via Bertani, nella zona di Piazza Redi. La donna 83enne, vittima della truffa, è rimasta sorpresa nel momento in cui ha saputo che a casa sua quella notte c’era stato un furto.
Ma davanti a quei due finti agenti che indossavano la divisa d’ordinanza, non ha pensato che potesse trattarsi di un raggiro.
E li ha fatti entrare.
E così, mentre uno dei due truffatori chiedeva all’anziana nome, cognome e gli altri dati della sua identità, l’altro, con la scusa di controllare se tutto fosse a posto nelle altre stanze, si introduceva in camera da letto, arraffando 600 euro e i gioielli di famiglia.
Ma nella notte tra lunedì e martedì si sono verificati anche furti veri. Almeno una decina, ai danni di abitazioni e negozi.
Alcuni sono andati a segno, altri no.
Tra i colpi tentati invano, i ladri hanno provato ad entrare al Distintivo di via Manzoni, ma senza riuscirci. Subito dopo, i malviventi hanno invece espugnato, frantumando le vetrate, una pizzeria nella zona di Loreto, all’angolo tra via Kolbe e via Baracca, arraffando il contenuto della cassa.
Furti anche ai danni di abitazioni, concentrati soprattutto nella zona di Novilara.
Due colpi in via Risorgimento, nel primo sono stati sottratti dei gioielli; nel secondo i ladri hanno scardinato un infisso, scavalcato una signora anziana che dormiva e rubato la borsa della badante. Con mille euro, lo stipendio appena riscosso.
Ladri in azione anche in via Necropoli e via Boiardo, dove hanno cercato di forzare le finestre di alcune case, ma invano. Nella villetta bi-familiare In strada Tresole, abitata da genitori e figli, il furto, invece, è andato a segno, con un bottino di 600 euro oltre ai gioielli.

Fonte: www.ilmessaggero.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *