Questo articolo è stato letto 1 volte

Schianto mortale e segnaletica ingannevole: sindaco di Taggia e comandante vigili ascoltati dal pm

Il sindaco di Taggia Vincenzo Genduso e il comandante della locale polizia municipale, Enrico Borgoglio, sono stati ascoltati per oltre un’ora e mezza, dal pubblico ministero Francesca Scarlatti, di Sanremo, stamani, a margine dell’inchiesta per omicidio colposo relativa all’incidente mortale avvenuto, il 20 giugno del 2012, sull’Aurelia, proprio al confine tra il Comune di Taggia e quello di Riva Ligure, nel quale perse la vita: Angelo Galloni, 51 anni, commerciante di fiori di Sanremo, travolto da un camion in fase di svolta, mentre viaggiava in sella al proprio scooter.

L’inchiesta si era chiusa, nel maggio scorso, con 5 indagati: oltre a Genduso e Borgoglio, anche il sindaco di Riva, Francesco Nuvoloni e il comandante della locale polizia municipale e il camionista che travolse lo scooter, Fabio D., di 42 anni. I pubblici amministratori erano finiti sotto inchiesta per via della segnaletica ingannevole, all’origine del tragico incidente. Genduso e Borgoglio, assistiti dai rispettivi legali, hanno presentato una lunga memoria a dimostrazione della loro estraneità all’incidente.

di Fabrizio Tenerelli

Fonte: www.riviera24.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *