Questo articolo è stato letto 9 volte

Carrelli: fine della possibilità di brevi spostamenti su strada se non immatricolati

muletto

mulettoQuanti ricordano la circolazione saltuaria dei carrelli su strada? Quella per la quale si rilasciava autorizzazione da parte dell’ente proprietario della strada per brevi spostamenti da uno stabilimento all’altro di un’azienda per brevi spostamenti? Bene: il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti,  con  la Circolare 10-6-2013 n. 14906 (Circolazione dei carrelli di cui all’art. 58, comma 2, lett. c), C.d.S.) ha posto fine a questa possibilità, affermando che “si è avuto modo di rendere chiarimenti in ordine alle condizioni in base alle quali è da ritenersi consentita la circolazione su strada dei carrelli di cui all’art. 58, comma 2, lett. c), C.d.S.

Trattandosi di questione di interesse generale, si ravvisa l’opportunità di estendere a tutte le DGT in indirizzo i chiarimenti già forniti al riguardo, con preghiera di volere assicurare la massima diffusione della presente presso gli UMC ricadenti nel proprio ambito territoriale di competenza e presso tutta l’utenza interessata.

Nel merito, si ritiene che, a norma dell’art. 114, comma 2, C.d.S. i carrelli in parola possano attualmente circolare su strada solo se immatricolati.

Infatti, avendo l’art. 231 del vigente codice della strada abrogato la legge 10 febbraio 1982, n. 38, sono venuti meno i presupposti normativi in base ai quali è stato adottato il D.M. 28 dicembre 1989 il quale consentiva la breve e saltuaria circolazione su strada dei carrelli in oggetto senza che, a tal fine,  fosse richiesta la loro immatricolazione bensì unicamente l’autorizzazione, della validità di un anno, rilasciata dall’Ufficio della Motorizzazione competente per territorio, previo benestare dell’ente proprietario della strada

3 thoughts on “Carrelli: fine della possibilità di brevi spostamenti su strada se non immatricolati

  1. Credo che foto e titolo siano errati.
    I carrelli in questione non sono quelli appendice ma quelli di cui all’art.58 (macchine operatrici) volgarmente chiamati “muletti”.

  2. Mi permetto di intervenire sull’argomento come operatore del settore carrelli elevatori.
    Purtroppo la circolare del Ministero sta creando non pochi problemi a chi ha necessità di spostare carichi da un punto all’altro di capannoni vicini, in quanto la vecchia circolazione saltuaria permetteva la circolazione con carichi su strada, mentre l’immatricolazione equiparando il carrello elevatore alle macchine operatrici non permette la cicolazione con il carico.
    In una situazione economica traballante come quella attuale la circolare del ministero sta mettendo in crisi aziende che per loro conformazione o tipo di attività necessitano di circolare in strada con il carico, ovvero effettuare attività di carico/scarico camion sul fronte strada dell’azienda.
    Spero che si trovi presto una via d’uscita in quanto riceviamo giornalmente telefonate di clienti in difficoltà ai quali non sappiamo che soluzione dare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *