Questo articolo è stato letto 0 volte

Verona – Multe, arrivano bollettini già scontati del 30%

VERONA. La Polizia municipale riprenderà nei prossimi giorni a notificare le violazioni al codice della strada non immediatamente contestate al trasgressore e/o all’obbligato in solido, sospese nella scorse settimane per la necessità di adeguare i sistemi informatici alle nuove norme sul pagamento scontato delle sanzioni. “Sulla base delle indicazioni ricevute dalla Giunta – spiega il comandante della Polizia municipale Luigi Altamura – avevamo sospeso le notifiche per fare maggior chiarezza ed evitare che i cittadini ricevessero informazioni incomplete, magari arrivando a pagare sanzioni per intero, quando era nel loro pieno diritto ottenere lo sconto previsto del 30%. Questa pausa ci ha consentito anche di introdurre due importanti semplificazioni: oltre ad inviare il bollettino di pagamento con l’importo già scontato, abbiamo unificato le spese di procedimento e notifica, rendendo così il pagamento a prova d’errore”. Accadeva infatti che i trasgressori pagassero importi diversi da quelli effettivamente dovuti, sia in eccesso che in difetto, a causa delle diverse condizioni che potevano verificarsi: notifica ricevuta direttamente dall’interessato al proprio domicilio, raccomandata ritirata in posta, plico ritirato da un familiare.
Situazioni diverse, che comportavano una variabilità di spese che, pur indicata nelle avvertenze del verbale, obbligava l’interessato a calcoli e valutazioni, con il rischio di commettere degli errori. Ora non solo il cittadino viene messo nelle condizioni di comprendere meglio la struttura degli atti che riceve dalla Polizia municipale, ma viene anche limitato il rischio di pagamenti insufficienti che non definiscono, chiudendolo definitivamente, il procedimento sanzionatorio.
L’importo delle spese di procedimento e notifica è ora unificato a 13,50 euro, ai quali si aggiunge 1 euro qualora al verbale sia associato un rilevamento fotografico. È il caso di autovelox, accesso alla zona a traffico limitato e transito sulle corsie bus. Fino ad oggi le spese di procedimento e notifica di un verbale per accesso irregolare alla Ztl, ad esempio, potevano ammontare a 14,20 euro, 17,80 o 18,50 euro, a seconda che l’atto fosse stato consegnato dal postino direttamente all’interessato, o ad una persona diversa dal destinatario (comprensivo perciò di comunicazione avviso di notifica-Can) o ancora depositato – e poi ritirato – presso l’ufficio postale (comunicazione avviso di deposito-Cad).
Molto importante anche chiarire quale sia la data di notifica, visto che rappresenta il momento dal quale decorrono i termini per il pagamento scontato o per un eventuale ricorso. La data di notifica corrisponde, a seconda del caso, al giorno in cui il postino ha materialmente consegnato l’atto all’indirizzo del destinatario, al giorno in cui Poste Italiane ha inviato al destinatario la comunicazione di avviso di deposito se l’atto non è stato ritirato all’ufficio postale entro dieci giorni dall’avvenuto deposito oppure al giorno in cui l’atto è stato effettivamente ritirato presso l’ufficio postale se ciò è avvenuto entro dieci giorni dal deposito (Legge 890/82 come modificata dalla Legge 31/2008). Tutte le informazioni su pagamento scontato, termini di notifica e spese sono disponibili sul sito web della Polizia municipale, all’indirizzo www.poliziamunicipale.comune.verona.it.

 

Fonte: www.larena.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *