Questo articolo è stato letto 50 volte

Bambini in auto: tre segreti sui seggiolini “perfetti”

seggiolini-bambini

seggiolini-bambiniCoi bambini in auto non si scherza: quando trasportiamo i nostri figli, nipoti o qualsiasi altro bambino, è fondamentale avere una conoscenza perfetta dei seggiolini non solo per evitare le sanzioni previste in materia dal codice della strada ma soprattutto per proteggere e mettere in totale sicurezza i nostri bimbi.

La legge dice che i bambini in auto devono essere trattenuti da apposti seggiolini e successivamente dalla cinture di sicurezza. Per la tranquillità di genitori e conducenti è bene evitare alcuni errori comuni che si fanno trasportando bambini in auto e che, se prevenuti, possono aiutare a viaggiare in sicurezza e tranquillità.

La scelta del seggiolino

Nella scelta del seggiolino per il trasporto dei bambini in auto spesso si può incappare nell’errore di non comprare quello adatto all’età. I seggiolini, infatti, vanno per peso e ognuno è studiato per ridurre il più possibile i danni al piccolo passeggero in caso di incidente.

Il Gruppo O è adatto a bambini dal peso incluso tra i 0 e i 13 Kg, il Gruppo I tra 9 e 18 Kg, il Gruppo III, infine, tra i 22 e i 36 Kg. È molto importante seguire queste istruzioni e non usare la cintura di sicurezza prima che i bambini superino questo peso, più o meno tra gli 8 e i 12 anni.

Installazione del seggiolino nell’auto: occhio!

La fase di installazione del seggiolino è un altro passaggio fondamentale che va fatto in maniera corretta. Molti non sono pratici su questo tema e anche se la maggior parte dei seggiolini sono semplici da installare, vanno sempre lette le istruzioni con calma e attenzione.

Le istruzioni in questo caso sono utilissime e prima di mettere il bimbo meglio controllare accuratamente se l’installazione è stata eseguita correttamente. Ancorare male il seggiolino al sedile dell’auto o allacciare male le cinture al bambino, può risultare, infatti, molto più pericoloso di far viaggiare il bambino senza seggiolino.

Quando non siamo sicuri di aver eseguito la procedura corretta, fermiamo il veicolo in un’area sicura, meglio il parcheggio che sul fuoristrada e dopo un apposito controllo la guida sarà più serena e il bimbo in sicurezza. In questi casi l’accortezza non è mai troppa.

Seggiolini usati o acquistati da altri

Ci sta, con questa crisi, di acquistare un seggiolino per l’auto di seconda mano. Anche in questo caso però è bene scegliere con accuratezza perché c’è di mezzo la vita del nostro bambino.

Non tutti sanno, infatti, che i seggiolini di solito hanno una data di scadenza. Dopo qualche anno, infatti, i costruttori non garantiscono più il loro corretto funzionamento e la loro efficacia. Dunque se si opta per l’usato andrebbe preso un seggiolino con la scatola e il libretto di istruzioni in modo da aver garantita la sua sicurezza.

Mettere giochi nel seggiolino insieme al bambino mentre si viaggia in auto non è raccomandabile. È un’abitudine abbastanza comune ma è preferibile evitarla, visto che in caso di incidente questi oggetti, per quanto piccoli e innocui possano sembrare, possono risultare molto pericolosi.

Anche per i brevi tragitti è bene seguire le istruzioni, evitando di portare in braccio il bambino: gli incidenti stradali maggiori sono rilevati nei centri abitati, quindi è opportuno che gli spostamenti più brevi vanno presi sul serio e ogni volta che si sale con bambini in auto vanno presi tutti gli accorgimenti necessari per la loro sicurezza.

 

Fonte: MotoriOggi.it

2 thoughts on “Bambini in auto: tre segreti sui seggiolini “perfetti”

  1. Io sconsiglio vivamente i seggiolini acquistati di seconda mano, soprattutto se a scatola chiusa. Come scritto nell’articolo i materiali tendono a cedere e per l’incolumità dei nostri figli è sempre bene puntare al meglio, naturalmente badando alla capacità del proprio portafoglio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *