Questo articolo è stato letto 3 volte

Mantova – Emergenza truffe agli anziani. Novemila volantini a casa

anziani-truffa

anziani-truffaConsigli a domicilio per tutti gli ultra 65enni della città. La mossa dopo l’impennata di raggiri ai danni di pensionati.

MANTOVA. Lotta senza quartiere ai criminali delle truffe agli anziani. Il fenomeno, che nell’ultima settimana ha visto un’insolita e imprevista impennata, ha preoccupato le forze dell’ordine che sono corse immediatamente ai ripari. Polizia di stato e polizia locale hanno potenziato i dispositivi di sicurezza garantendo su tutto il territorio citttadino controlli a tappeto. Ieri mattina, nel corso di una conferenza stampa tenutasi in questura, il comandante delle Volanti Gianna Adami, il capo della squadra Mobile Vittorio Rossi e il vice comandante della polizia municipale Luigi Marcone, hanno fatto il punto della situazione. Il Comune di Mantova scenderà in campo con diverse iniziative che hanno lo scopo di mettere in guardia le persone anziane da possibili raggiri. Ai novemila ultrasessantacinquenni che abitano in città e nell’immediata periferia verrà consegnato a mano, nelle prossime settimane, un volantino sul quale in modo chiaro e comprensibile sono elencati i comportamenti da tenere per evitare di essere truffati. Il Comune ha già contattato gli amministratori di numerosi condomini per organizzare delle assemblee in cui il problema sarà affontato con dovizia di particolari.

 

Anche la questura ha redatto un volantino nel quale vengono dati importanti consigli per scongiurare quella che le persone anziane vivono, molto spesso, in modo mortificante al punto da non riuscire nemmeno a denunciare l’imbroglio subito. Si tratta per lo più di persone sole, che hanno bisogno di parlare e di esser ascoltate. Le bande di truffatori lo sanno perfettamente e quasi sempre, per riuscire a centrare l’obiettivo, fanno leva sulle corde del cuore, tirando in ballo il figlio malato o la moglie che deve essere operata per una malattia grave. La polizia, per l’ennesima volta, consiglia agli anziani di non aprire la porta agli sconosciuti, di effettuare prelievi in banca o in posta accompagnati da persone conosciute e di sicura fiducia. Nipoti e figli dovrebbero chiamare più spesso e i vicini di casa potrebbero scambiare ogni tanto quattro chiacchiere. Questo farebbe sentire le persone meno sole, perché è proprio la solitudine il terreno fertile sui cui i criminali puntano le loro carte.

 

Fonte:  gazzettadimantova.gelocal.it

 

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *