Questo articolo è stato letto 0 volte

Traffico, addio file, arriva “Galileo”

traffico-roma

traffico-romaAlla 68a Conferenza del Traffico e della Circolazione dell’Aci presentato il nuovo sistema satellitare europeo permetterà una mobilità più fluida, sicura ed efficiente, ma anche il pagamento in tempo reale di pedaggi e tasse in base alle condizioni del traffico e all’utilizzo effettivo del veicolo

 

 

Lotta al traffico, qualcosa si muove: arriva un nuovo sistema satellitare europeo, più preciso rispetto agli altri sistemi satellitari e con una più estesa copertura territoriale. Battezzato “Galileo”, sarà la piattafroma per la smart mobility per app e programmi di gestione ed ottimizzazione della mobilità.
“Grazie anche al contributo di ACI che ha messo a disposizione il proprio know how al progetto, Galileo – ha spiegato oggi il presidente dell’Aci Angelo Sticchi Damiani alla 68a Conferenza del Traffico e della Circolazione dell’ACI dove è stato presentato il sistema – faciliterà la vita agli automobilisti con la semplificazione delle procedure amministrative dei veicoli e l’incremento della sicurezza stradale. Galileo consentirà infatti il pagamento in tempo reale di pedaggi e tasse in base alle condizioni del traffico e all’utilizzo effettivo dell’auto, oltre a potenziare con i sistemi eCall i servizi di soccorso stradale, riducendo al minimo i tempi di intervento per guasto o incidente”.

E non si tratta di una rivoluzione da poco perché secondo una ricerca della Fondazione caracciolo, nelle nostre città 1 minuto su 4 in auto è sprecato nel traffico e nella ricerca di un parcheggio. Non solo: la congestione stradale ci costa oltre 5 miliardi di euro ogni anno, a cui vanno aggiunti molti dei 30 miliardi di spesa sociale per incidenti stradali. “La statistica – concludo i ricercatori della fondazione – non ci conforta, prevedendo

un aumento dell’urbanizzazione con punte del 50% fino al 2050, ma la tecnologia sì, soprattutto quella satellitare che entro il 2020 equipaggerà il 90% dei veicoli su strada. Anche questa, però, mostra ancora limiti che ne compromettono l’efficacia. La rivoluzione copernicana è rappresentata da “Galileo”, il sistema satellitare civile europeo, ideato dalla Comunità Europea e dall’Agenzia Spaziale Europea, indipendente e compatibile con quello russo e statunitense”.

 

Fonte:  www.repubblica.it

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *