Questo articolo è stato letto 0 volte

Accertamento dell’ ebbrezza alla guida: le corrette procedure per evitare le nullità processuali (M. Massavelli)

accertamento-dell-ebbrezza-alla-guida-le-corrette-procedure-per-evitare-le-nullit-processuali-m-massavelli.jpg

Anche le sentenze della Suprema Corte che trattano meri argomenti processual-penalistici hanno sempre importanti utilità pratico-operative per gli agenti di polizia giudiziaria, in quanto, anche solo indirettamente, individuano le corrette procedure di P.G. da attuare ogniqualvolta si accerti la commissione di un reato.

E’ necessario infatti rammentare che sono gli operatori di polizia giudiziaria che svolgono le attività previste dal codice di procedura penale (articoli 347 e seguenti) e che, raccogliendo in maniera precisa, dettagliata e, soprattutto, completa le fonti di prova, consentono al Pubblico Ministero di presentarsi all’udienza con un materiale probatorio sufficiente per poter sostenere una adeguata “accusa”, e consentire al giudice di pronunciare una sentenza di condanna: se le indagini invece sono svolte in maniera non corretta, allora il Pubblico Ministero in udienza non avrà possibilità di spuntarla, e, quindi, l’imputato verrà assolto…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *