Questo articolo è stato letto 1 volte

Verona – Truffa assicurazioni Indagine solo all’inizio

Potrebbero essere centinaia le persone truffate dalla broker veronese scoperta dalla Polizia Municipale. La donna, 61 anni, C.C. le sue iniziali, avrebbe avuto contatti con molte più delle 112 persone per cui finora è stata dimostrata la truffa. Secondo quanto scoperto dagli investigatori, la broker contattava e riceveva i clienti al di fuori delle agenzie per le quali collaborava, proponeva polizze auto a prezzi fortemente competitivi, intascava i soldi rilasciando delle improvvisate ricevute, e poi, o forniva tagliandi falsi o originali senza però girare il pagamento alla compagnia, quindi non attivando la copertura assicurativa. Per il momento gli investigatori hanno trovato 60 polizze regolari non registrate, 26 completamente false e altre 18 regolari in cui però non è stata registrata la seconda rata. In tutto fanno 112 truffe per un giro d’affari di almeno 50 mila euro. Ma il periodo preso in considerazione è solo quello relativo agli ultimi mesi.

I truffati sono soprattutto extracomunitari residenti non solo nel veronese ma anche in province vicine, Padova, Rovigo, Brescia.

La donna, al momento, non risulta nemmeno sospesa dall’albo degli intermediari, ed è accusata di truffa e appropriazione indebita. Alcune compagnie e alcuni dei clienti truffati hanno già presentato contro di lei denunce e querele.

Fonte: www.tgverona.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *