Questo articolo è stato letto 0 volte

Aumentano i mezzi senza assicurazione: “Fenomeno preoccupante, ma monitorato”

C’è chi considera i documenti richiesti per la guida (patente e assicurazione) dettagli trascurabili. La Polizia Municipale di Cesena segnala con preoccupazione che casi di questo genere sono sempre più frequenti. Solo negli ultimi 5 mesi sono state ben 15 le persone denunciate dai vigili perché senza patente. Non solo: nei primi nove mesi dell’anno sono stati fermati 158 veicoli senza assicurazione (nello stesso periodo del 2012 erano 115), mentre per  altri 454 mancava la revisione (nello stesso periodo 2012 erano 302).

L’ultimo episodio risale venerdì, quando una pattuglia impegnata in un posto di blocco di routine sulla via Cervese ha intimato l’alt ad un ciclomotore in transito. Alla guida si trovava un rumeno di 46 anni, che, dopo gli accertamenti del caso è risultato non essere titolare di patente di guida. Il mezzo invece era privo di assicurazione; non solo: è emerso pure che non era mai stato sottoposto alla prescritta revisione periodica. Oltre alle sanzioni per le violazioni al codice della strada, scatterà la denuncia alla procura della Repubblica per il reato di guida senza patente.

“Il fenomeno è preoccupante – sottolineano il sindaco Paolo Lucchi e l’assessore alla Polizia Municipale Ivan Piraccini –, ma è continuamente monitorato anche grazie all’accresciuto numero dei controlli dovuto alla presenza più capillare della Polizia Municipale sulle strade e al rafforzamento dell’attività di pattugliamento, a maggior tutela della sicurezza stradale. Più in generale, è bene rimarcare che l’intensificazione dei controlli è volta a contrastare soprattutto quelle infrazioni (come l’eccesso di velocità, il passaggio con il semaforo rosso, l’omessa precedenza ai pedoni, la guida parlando al cellulare) che mettono più a rischio gli utenti della strada più deboli”.

“Un impegno che i cittadini hanno colto e che apprezzano – continuano sindaco e assessore -. Sono sempre di più quelli che, incontrandoci, esprimono giudizi positivi perché vedono più spesso all’opera la Polizia Municipale, ma anche  la Polizia di Stato e i Carabinieri. Questo risultato è stato raggiunto grazie al miglior coordinamento fra le forze dell’ordine e, in particolare, alla riorganizzazione della Polizia Municipale avviata dal comandante Grippo, che sta dando frutti di tutto rispetto“.

“Il potenziamento delle attività di pattuglia si traduce in un maggior numero di veicoli controllati e in un contrasto più incisivo dei comportamenti pericolosi, come indicano i dati dell’attività sanzionatoria – chiosano Lucchi e Piraccini -. Basti dire che nei primi nove mesi di quest’anno gli agenti della Municipale hanno elevato 16.847 contravvenzioni, con un aumento del 17,6% rispetto alle 14.323 sanzioni che avevano elevato fra gennaio e settembre del 2012”.

Fra le infrazioni più spesso sanzionate, la sosta pericolosa su marciapiede o passaggio pedonale con 1765 casi (contro i 1471 dello stesso periodo 2012), il mancato utilizzo delle cinture di sicurezza con 761 casi (più che raddoppiati rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, quando furono 336), la velocità pericolosa con 520 casi riscontrati (contro i 343 del 2012), la guida mentre si parla al cellulare con 435 casi (fra gennaio e settembre 2012 erano stati 389).   

Fonte: www.cesenatoday.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *