Questo articolo è stato letto 1 volte

Falconara, multati mendicanti e clochard accampati negli androni per mangiare

mendicante-elemosina

mendicante-elemosinaFALCONARA – Pugno di ferro contro chi chiede la carità e contro gli sbandati a Falconara. Elevate le prime multe: 50 euro a una coppia di romeni che bivaccava in centro, altri 50 a un ubriaco che chiedeva l’elemosina. Le hanno emesse gli agenti della Polizia Municipale alla luce delle due ordinanze sulla sicurezza firmate dal sindaco Goffredo Brandoni due settimane fa. La prima multa è stata quella dello scorso weekend: 50 euro a un falconarese sui 60 anni che spesso girovaga per la città chiedendo l’elemosina. L’uomo è stato pizzicato in pieno centro mentre chiedeva con insistenza delle monete ai passanti.

L’altra multa invece risale a ieri, quando intorno alle 13.30 i vigili urbani sono intervenuti in via IV novembre dopo alcune segnalazioni di residenti e passanti. In centro insieme agli agenti c’era anche l’assessore alla sicurezza Clemente Rossi. «Erano un uomo e una donna vicino a un negozio di frutta e verdura – racconta – Si erano accampati per mangiare all’interno di un androne e con i loro bagagli voluminosi occupavano anche il marciapiede. A quel punto ci siamo avvicinati e, con toni assolutamente non minacciosi, abbiamo spiegato loro che adesso sono in vigore le ordinanze che vietano questi comportamenti. Loro hanno detto di esserne a conoscenza e, sempre in tono amichevole, abbiamo voluto approfondire la loro situazione».

Gli agenti e l’assessore Rossi hanno così posto alcune domande ai due (marito e moglie, entrambi sui 50 anni, di nazionalità romena) e si è scoperto che nelle notti precedenti avevano dormito ad Ancona, prima in piazza Ugo Bassi e poi in piazza Cavour, scegliendo o delle panchine o degli androni. Nonostante i due avessero con sé anche una fisarmonica, che fa presupporre che vivano chiedendo l’elemosina, gli agenti li hanno sanzionati appellandosi all’ordinanza anti bivacchi.

 

Fonte:  www.ilmessaggero.it

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *