Questo articolo è stato letto 0 volte

Urinare sul muro di un palazzo costituisce di per sé un atto contrario alla pubblica decenza se non sono visibili le parte intime, ma il giudice deve verificare se si tratta di fatto di particolare tenuità. Cassazione, sez. III penale, 16/9/2013, n. 37823 

urinare-sul-muro-di-un-palazzo-costituisce-di-per-s-un-atto-contrario-alla-pubblica-decenza-se-non-sono-visibili-le-parte-intime-ma-il-giudice-deve-verificare-se-si-tratta-di-fatto-di-partico.JPG

Vedi il testo della sentenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *