Questo articolo è stato letto 0 volte

Milano – Polizia locale sequestra 3.500 giocattoli pericolosi, 500.000 merci nell’ultimo anno

sequestro_merce _contraffattaJPG

sequestro_merce _contraffattaJPGAlcuni recenti sequestri di merce in Galleria Vittorio Emanuele ad opera della Polizia locale hanno permesso agli agenti dell’Unità Antiabusivismo guidata dal Comandante Tullio Mastrangelo di risalire a un negozio in zona Paolo Sarpi che vendeva giocattoli pericolosi. Dagli scaffali del negozio sono stati sequestrati ben 3.500 prodotti, tra freccette luminose, pistole giocattolo con puntatore laser, accendini fantasia e 1.700 pile prive di autorizzazione della Camera di Commercio e del simbolo del riciclo.

La titolare del negozio, una donna di nazionalità cinese di 50 anni, è stata denunciata per commercio di prodotti pericolosi presenti anche nel motore di ricerca europeo Rapex (Rapid Alert System for non-food dangerous products): il “sistema di allarme” comunitario attivo per tutte le merci (con l’eccezione di alimentari, farmaci e presidi medici) che presentano un rischio grave per la salute e la sicurezza dei consumatori. Oltre al sequestro dei 3.500 prodotti, sono scattate anche sanzioni per circa 100.000 euro per le pile fuorilegge. La donna è stata segnalata inoltre all’Agenzia delle Entrate per evasione fiscale.

“Questa operazione della Polizia locale – spiega l’assessore alla Sicurezza Marco Granelli – si aggiunge ai numerosi interventi dell’Amministrazione comunale per la tutela dei consumatori e delle aziende che commerciano nella legalità: solo nell’ultimo anno, infatti, sono circa 500.000 i giocattoli e i prodotti pericolosi che sono stati sequestrati”.
“Con l’avvicinarsi delle feste – ha proseguito Granelli – ricordiamo che è importante prestare particolare attenzione a ciò che si compera, soprattutto quando si tratta di giochi destinati ai bambini. Al rischio per la salute e per la sicurezza delle persone, doppiamente grave quando si tratta dei consumatori più piccoli, si aggiunge poi il forte danno per l’economia”.
Fonte: www.mi-lorenteggio.com

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *