Questo articolo è stato letto 1 volte

La Polizia locale di Brugherio chiede aiuto a Scotland Yard

polizia-controllo

polizia-controlloBrugherio chiama Londra e Scotland Yard risponde. Non è uno scherzo ma la realtà. La Polizia locale ha dovuto rivolgersi al famoso posto di polizia londinese per risolvere un rompicapo sull’origine di una vettura sospetta. Nella storia non tanto importa che fine abbia poi fatto quest’auto condotta da un moldavo ubriaco con patente falsa, ma il fatto che i vigili brugheresi, specializzati proprio nello scovare i falsi documentali, abbiano addirittura rivolgersi ai blasonati cop di oltremanica per capire se l’auto era rubata.

Tutto nasce da un incidente non grave avvenuto la settimana scorsa in zona Parco Increa. Un tamponamento provocato da una berlina non tanto nuova condotta da un moldavo. Nessun ferito ma l’uomo al test alcolemico è risultato positivo e la sua patente è risultata sospetta. A quel punto gli agenti della Polizia locale hanno sequestrato il mezzo e ritirato la patente falsa cominciando ad indagare.

Inizialmente si sono rivolti a due stazioni di Polizia in inghilterra vicine al luogo di provenienza della vettura ma non è risultato nulla. Quindi hanno deciso di chiamare Scotland Yard che ha fornito tutta la storia dell’auto risultata comunque non rubata. Precisando, tra l’altro, che in Gran Bretagna tutti i cittadini possono accedere liberamente al registro della Motorizzazione. In totale trasparenza!

 

Fonte: www.mbnews.it

Fonte:

One thought on “La Polizia locale di Brugherio chiede aiuto a Scotland Yard

  1. non vedo il lato ridicolo della notizia; ma forse la polizia locale deve, oltre a conoscere a memoria tutte le leggi nazionali, conoscere anche tutte quelle estere,sia che sia l’accesso agli atti britannico,sia la disciplina sanitaria dei locali pubblici nepalesi.Ma al commentatore tutto è concesso salvo il fatto che non si ricorda magari dove sta di casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *