Questo articolo è stato letto 1 volte

“Voglio uccidere il sindaco”: entra in Comune con un coltello, panico a Mondragone

Panico nella casa comunale di Mondragone dove, intorno alle 16.30, un malintenzionato si presenta nell’ufficio del sindaco Giovanni Schiappa impugnando un coltello da cucina. La fascia tricolore non era presente al momento dell’accaduto ma il timore, per i suoi collaboratori presenti in quel momento nella stanza, è stato tantissimo. Dopo alcune fasi concitate, sono intervenuti carabinieri e vigili urbani che hanno bloccato l’uomo per accompagnarlo in caserma.

Sull’accaduto fa chiarezza il portavoce del sindaco Schiappa, Salvatore Di Rienzo. “Non c’è stata alcuna aggressione – ha precisato – dato che il Sindaco non si trovava nemmeno negli uffici comunali. L’intervento dei carabinieri e della polizia municipale è stato tempestivo ed efficace”.

La nota stampa dei carabinieri. Nel pomeriggio all’interno della casa comunale i carabinieri del comando stazione di Mondragone hanno tratto in arresto per violenza o minaccia a pubblico ufficiale e minaccia aggravata, Massimo Cirillo classe ’71 del posto, disoccupato. L’uomo si è introdotto all’interno degli uffici dell’Ente armato di coltello da cucina di grosse dimensioni minacciando di morte impiegati presenti e successivamente i militari intervenuti. Il gesto è da ricondurre a lamentate difficoltà economiche e mancato sostegno da parte quell’amministrazione comunale. Non ci sono stati feriti. L’arma è stata sottoposta a sequestro. L’arrestato è stato sottoposto agli arresti domiciliari in attesa del giudizio per direttissimo.

Fonte: interno18.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *