Questo articolo è stato letto 0 volte

Torino – Tampona un’auto che si ribalta Dopo lo schianto fugge a piedi

Automobilista di 20 anni miracolosamente illeso, l’investitore ricercato dai vigili.

Un giovane di 20 anni, Marco Debernardi, è rimasto miracolosamente illeso, questa sera, in un terribile incidente stradale avvenuto in corso Unione Sovietica quasi angolo via Buenos Aires. Viaggiava al volante di una Fiat 600 in direzione Stupinigi quando è stato tamponato da una Stilo Station Wagon e si è ribaltato più volte. Il guidatore della Stilo – un equadoregno di circa 50 anni – è fuggito subito dopo l’incidente, ed è ora ricercato dai vigili urbani.  

E’ accaduto alle 22,30 circa. Racconta un testimone, Gianni Costa: «Ero appena uscito dal bar quando ho sentito un colpo tremendo alle mie spalle. Mi sono voltato e ho visto la 600 in aria, girare su se stessa». Dopo il violentissimo impatto la Stilo ha proseguito la propria corsa per un centinaio di metri, poi – danneggiata dopo il tamponamento – ha sbandato ed è finita contro in palo lungo la corsia di marcia opposta all’angolo con via Poirino. «L’autista – racconta un altro testimone, Francesco Mazzilli – ha spalancato la portiera, è sceso, e ha cominciato a correre. Un ragazzo con una macchina fotografica in mano ha cercato di seguirlo, ma è stato inutile». Racconta ancora Gianni Costa: «D’istinto sono corso verso la 600 rovesciata pensando al peggio, invece nell’abitacolo non c’era nessuno». Marco Debernardi è stato probabilmente sbalzato fuori dalla vettura, o è riuscito a uscire dal finestrino. Sotto choc – ma praticamente illeso – è stato soccorso dal 118 e portato al Cto. Sono intervenuti i vigili del fuoco. 

La Stilo Station Wagon che ha tamponato la Fiat 600 non risulta rubata. Altri testimoni raccontano che prima di finire contro la vettura di Debernardi abbia attraversato con il rosso due incroci, ma su questo dovranno far luce i vigili urbani che hanno effettuato i rilievi. Padre e madre del ragazzo si sono precipitati in corso Unione Sovietica: la madre è riuscita a vedere il figlio prima del trasporto all’ospedale, tranquillizzandosi. 

Fonte: www.lastampa.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *