Questo articolo è stato letto 1 volte

Seguì un’avvocatessa con l’auto di servizio, vigile urbano assolto in appello

LA CORTE d’Appello di Bologna ha assolto — perché il fatto non sussiste — un agente della polizia municipale di Imola, condannato in primo grado dal tribunale a quattro mesi per abuso di ufficio. L’uomo, Filippo Simoni, era stato indagato e mandato a processo per aver seguito con l’auto di servizio un’avvocatessa — per l’accusa senza motivo e abusando della propria qualifica di pubblico ufficiale — per circa un chilometro per poi fermarla all’altezza del parcheggio del duomo, in pieno centro città.
I due si conoscevano per precedenti vicende legali e la donna sporse querela contro di lui a marzo 2009.
L’accusa ha sostenuto, in sostanza, che il vigile aveva agito così per risentimento nei confronti della professionista.
In particolare, era stata lei la ‘causa’ della condanna di Simoni per ingiuria, nel marzo 2011 (anche contro quella sentenza l’agente ha fatto ricorso in appello).
All’epoca, infatti, la donna assisteva come parte civile una guardia volontaria della Polizia provinciale con cui Simoni ebbe un alterco in una battuta di caccia, quando fu fermato per un controllo dei documenti.
Quanto al processo per i fatti del 2009, in primo grado, a fine 2012, il tribunale decise di assolvere Simoni dall’accusa di falso e di condannarlo per abuso di ufficio.
La difesa, condotta dall’avvocato Giovanni Trombini, ha fatto però appello e ora l’uomo è stato assolto.

 

Fonte: www.ilrestodelcarlino.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *