Questo articolo è stato letto 32 volte

La persona che, invitata formalmente dalla P.G. a rendere dichiarazioni ex art. 351 c.p.p., se non si presenta, che reato commette?

la-persona-che-invitata-formalmente-dalla-p-g-a-rendere-dichiarazioni-ex-art-351-c-p-p-se-non-si-presenta-che-reato-commette.gif

Quello previsto è punito dall’art. 650 c.p. che recita “Chiunque non osserva un provvedimento legalmente dato dall’Autorità per ragione di giustizia o di sicurezza pubblica, o d’ordine pubblico o d’igiene, è punito, se il fatto non costituisce un più grave reato, con l’arresto fi no a tre mesi o con l’ammenda fino a 206 euro”.
Questa ipotesi di reato è supportata dalla sentenza della Suprema Corte di Cassazione, sez. I, 10 giugno 1998, n. 9613. “L’invito a una persona rivolto dalla Polizia Giudiziaria su delega della Procuradella Repubblica, non costituisce un invito a comparire per testimoniare, rientrantenella previsione dell’art. 133 c.p.p., che fa riferimento a una situazione incui dominus è il giudice.
Tale invito, invece, si qualifica come provvedimentodato dall’autorità per ragioni di giustizia e la sua inosservanza integra il reatoprevisto dall’art. 650 c.p.”…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *