Questo articolo è stato letto 1 volte

Dietrofront degli Usa: la moto si guida senza casco

Dal 1970 ad oggi gli stati americani che obbligavano all’uso del casco si sono ridotti a 19 da 47.

Da quando le multe sono un po’ più salate nelle nostre città di gente senza casco se ne vede sempre meno. Quello che sembra strano, e lo denuncia l’Associazione Sostenitori ed Amici della Polizia Stradale, è che uno dei paesi più all’avanguardia in tema sicurezza sta facendo un enorme passo indietro su questo argomento. Negli Stati Uniti, nonostante il disappunto delle organizzazioni impegnate sul fronte della sicurezza stradale come l’Asaps, gli stati americani che obbligano all’uso del casco sono diminuiti da 47 a 19. Così mentre la legge europea obbliga il conducente a portare il casco su qualunque mezzo a due ruote nella terra da cui cerchiamo di imitare tutto sembra non funzionare più come prima. Il presidente di Asap, Giordano Biserni, ha dichiarato: “In Usa c’è stata una sorta di ribellione dei motociclisti poco attenti alla sicurezza, che sono la maggioranza. Con petizioni e richieste ai vari governatori lo slogan era sempre lo stesso: “Vogliamo essere liberi di scegliere se portare o no il casco” e siccome l’America è il continente della libertà, la maggior parte dei motociclisti è libera di… morire sulle strade. L’aspetto più brutto di questa vicenda poco discussa nel resto del mondo è che si sta andando lentamente verso la rimozione totale dell’obbligo. Nel 2013 gli stati americani che impongono l’uso del caso hanno speso 3 miliardi di dollari in meno in spese sanitarie per i motociclisti vittime di incidenti… ma sembra che nessuno degli aspetti positivi venga preso in considerazione”.

Se si analizza nel dettaglio, in molti Stati i motociclisti sulle strade non superano il 5% dei circolanti e gli incidenti mortali coinvolgono dal 15% al 20% conducenti di veicoli a due ruote. La legge americana non punisce chi gira senza casco e per questo motivo ogni anno c’è qualche nuovo Stato che elimina l’obbligo. Alcuni Stati che hanno già tolto l’utilizzo obbligatorio presumono che questo sistema di protezione solo per minorenni e neopatentati mentre altri non lo considerano affatto.

Fonte: motori.fanpage.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *