Questo articolo è stato letto 0 volte

Se l’agente di Polizia Municipale insegue fuori dal territorio comunale un conducente per contestare una violazione non commette alcun atto arbitrario, sicchè la reazione spropositata del trasgressore non è scriminata in caso di violenza verso il pubblico ufficiale – Corte di Cassazione, sez. V, 8/4/2014, n. 15676

se-lagente-di-polizia-municipale-insegue-fuori-dal-territorio-comunale-un-conducente-per-contestare-una-violazione-non-commette-alcun-atto-arbitrario-sicch-la-reazione-spropositata-del.JPG

Vedi il testo della sentenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *